Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

A Legnarello riparte il viaggio nel Medioevo

Torna il viaggio nel Medioevo proposto dalla Contrada Legnarello: sta infatti per prendere il via la 13° edizione di conferenze dedicate al Medioevo, quattro incontri tutti organizzati nella sala d'armi del Maniero di Contrada in via Dante Alighieri 21 a Legnano.

A partire da un tema curioso e affascinante fin dal titolo -  "Gemme, Vestigia e Drappi Preziosi. Magnifici oggetti e figure mitiche nel Medioevo" - i quattro appuntamenti condurranno alla scoperta di nuove sfaccettature di quest’epoca tanto ricca e affascinante, con uno stile divulgativo adatto a chiunque voglia saperne di più.

Anche quest'anno, grazie alla collaborazione con Sa.Ga. Multimedia srl, gli incontri saranno disponibili anche sulla pagina Facebook della Contrada Legnarello e sul canale Youtube: tutte le conferenze verranno infatti registrate e pubblicate sui canali social la settimana successiva l'evento, dando così la possibilità di vederle anche a chi non abita in zona o non fosse riuscito a partecipare.

Come negli anni scorsi, inoltre, continua la collaborazione con le scuole superiori del territorio. Gli studenti che parteciperanno alle conferenze, firmando un apposito registro di presenza, potranno infatti ricevere un attestato di frequenza utile per il riconoscimento dei crediti formativi.

Appuntamento venerdì 24 gennaio per il primo dei quattro incontri, tutti come sempre a ingresso libero e gratuito, dedicato ai gioielli iconici dell'età di Mezzo per scoprirne non solo il significato simbolico ma anche la loro "influenza" in molti aspetti della vita quotidiana.

É una delle tante forme di itinerarium mentis in deum quello che si snoda fra i gioielli più iconici del Medioevo come la Corona ferrea, il Talismano di Carlo Magno, la cuffia di Costanza, la corona di Recesvindo, il gioiello di Alfredo o l'anello di Giovanni senza Paura.
L’indagine di questi pochi famosi gioielli miracolosamente salvati dalla distruzione tocca argomenti complessi come la funzione della letteratura lapidaria nella definizione del simbolismo delle gemme e della loro efficacia magica sulla salute del corpo e dell'anima, il ruolo dell’ornamento nel segnalare le sedi privilegiate della forza e del sentimento e della virtù nonché della funzione cruciale del gioiello nelle liturgie sacre e profane.
Relatore della serata sarà Silvia Malaguzzi del Middlebury College di Firenze. Silvia Malaguzzi è docente di Storia dell'arte del Rinascimento e di Storia del cibo nell'arte e nella letteratura al Middlebury College in Italy. Si occupa da oltre venticinque anni di storia del gioiello (con una speciale attenzione al simbolismo dei materiali) e di iconografia degli ornamenti e delle gemme in pittura. Su questo tema ha scritto nel 2000 il libro Perle, nel 2007 Oro, gemme e gioielli nonché numerosi articoli per la rivista Arte e Dossier.

Contrada Legnarello