Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Gita fuoriporta al castello dell'Innominato

«Dall’alto del castellaccio, come l’aquila dal suo nido insanguinato, il selvaggio signore dominava all’intorno tutto lo spazio dove piede d’uomo potesse posarsi, e non vedeva mai nessuno al di sopra di sé, né più in alto». Il signore selvaggio in questione è l'Innominato, l'opera "I Promessi Sposi" di Alessandro Manzoni. Ma cosa centra questo classico della letteratura italiana con la nostra gita fuoriporta? Tutto. Perchè questa settimana vi suggeriamo una visita al vero Castello dell'Innominato.

       IL CASTELLO - Il castello che ha ispirato Manzoni si trova a Vercurago, a cinque chilometri da Lecco. L'edificio - o quel che ne rimane - domina la valle dall'alto dei suoi 180 metri sopra il livello del lago. Raggiungerlo è molto semplice: basta seguire un percorso piuttosto semplice dalla durata di circa 30 minuti. La via parte dal Santuario di San Girolamo e passa dalla cappella dedicata al Santo. I resti del castello sono un recinto quadrangolare con una torre sbrecciata, trasformata nel 1902 in una cappella.

COME ARRIVARE - Raggiungere Vercurago da Legnano o Rho è possibile con un viaggio in automobile di un'ora. La cittadina sulle sponde del lago, inoltre, è raggiungibile anche in treno scendendo alla fermata di Vercurago - San Girolamo.

(Chiara Lazzati)