Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Gita fuori porta a Mantova, culla della cultura

Anche questa settimana vi portiamo in una città d'arte e di cultura. Dopo Pavia, considerato il maltempo che sta colpendo anche la Lombardia, vi proponiamo un tour in un'altro dei luoghi della cultura più affascinanti del territorio: Mantova. 

Con il suo ricco patrimonio artistico e culturale, Mantova è stata nominata Capitale Italiana della Cultura 2016. Facilmente raggiungibile in macchina ma anche in treno (2 ore da Milano), è una meta ideale in questi weekend di pioggia. Qui tutte le info su come arrivarci.  

Se avete intenzione di visitare più luoghi di interesse culturate vi consigliamo subito di acquistare la Mantova e Sabbioneta Card che con 20 euro permette di accedere a tutti i musei e si utilizzare i mezzi di trasporto e bike sharing cittadini. Sul sito del Comune è disponibile anche un elenco di guide per meglio organizzare un tour turistico. 

PALAZZO DUCALE

Imperdibile la visita a Palazzo Ducale (piazza Sordello) con la sua Camera degli Sposi dipinta da Mantegna, la casa in cui visse l’artista. Se scegliete di visitare la città di sabato è possibile partecipare alle consuete visite guidate dei percorsi museali di Palazzo Ducale al costo di 5 euro a persona più il prezzo del biglietto d’ingresso. Data l’affluenza prevista, è consigliata la prenotazione telefonica (0376 224832 dal martedì alla domenica nelle fasce orarie 8.30-9.30 e 17-18.20).

Ogni prima domenica del mese è invece è possibile accedere gratuitamente ai percorsi museali di Palazzo Ducale e partecipare, sempre al costo di 5 euro a persona, alle consuete visite guidate previste per le ore 10, 11, 12, 15 e 16. Domenica 4 novembre segnaliamo inoltre che alle 15, nell’appartamento della Rustica, all'interno della mostra "Fato e destino. Tra mito e contemporaneità", è in programma l’incontro a cura di Monica Bianchi intitolato “Carte dell’incanto” che consistono in letture sull’amore, sul lavoro e sull’evoluzione personale.

Se viaggiate con i bambini potete partecipare alla spedizione storico-naturalistica "Dove Volano le aquile" in Casa Gonzaga che rende i partecipanti giovani esploratori intenti ad avvistare gli esemplari di aquila imperiale esibiti come elemento decorativo - simbolo di regalità - in soffitti, dipinti murari e rilievi. L'evento è riservato ai ragazzi dai 6 ai 14 anni. Orari: sabato 3 novembre ore 10.00 e ore 15.00; domenica 4 novembre ore 10.00 e ore 15.00.

In corso le mostre "Fato e destino. Tra mito e contemporaneità" e "Pietre colorate molto vaghe e belle". Negli spazi della Galleria Arte Contemporanea sono stati selezionari 7 artisti a confrontarsi, ciascuno secondo la propria sensibilità, con un tema preciso divenuto anche il titolo della mostra "Grafèin – Scrivere il segno"

PALAZZO REGIONE E DUOMO

A piedi vi potete spostare nella vicina Piazza Erbe  (Qui potete consultare la mappa turistica) potete visitare, il Duomo, Palazzo della Ragione (in corso la mostra su Chagal), Palazzo del Podestà e  l’antichissima Rotonda di San Lorenzo. Dal tavolino dei bar si scruta l’orologio astronomico della Torre.

LA ROTONDA DI SAN LORENZO

Assolutamente da visitare, la Rotonda di San Lorenzo è la chiesa più antica della città, fondata tra la fine del XI secolo e l'inizio del XII, probabilmente per volere di Matilde di Canossa. Per Informazioni:  347 9940932 - 338 9171666. Orari di apertura (inverno): 10.00-13.00 e 14.00-18.00. Consigliata una tappa anche alla Basilica di Sant’Andrea progettata da Leon Battista Alberti.

I TEATRI MANTOVANI

Affascinante il Teatro Scientifico Bibiena. Un  piccolo capolavoro tardo-barocco, ora sede di concerti e incontri letterari, opera del’architetto Antonio Galli Bibiena. Da segnalare anche il Teatro Olimpico, il teatro Bibiena e la Galleria degli Antichi. 

PALAZZO TE

Lo si trova appena fuori porta. E' un edificio sobrio ed elegante, razionale, progettato da Giulio Romano. Oltre alle spettacolari stanze affrescate, come la “Sala dei Giganti”, da non perdere l’agenda di mostre di respiro internazionale.Qui info e orari

A PASSEGGIO

Tempo permettendo è consigliata anche una passeggiata: a piedi si percorrono le vie del centro, per visitare i monumenti e scoprire i suoi segreti; ma anche i sentieri, che si addentrano nel Complesso Morenico di Castellaro Lagusello, da fare insieme a una guida che illustra gli habitat delle colline moreniche, la formazione del laghetto glaciale e i luoghi dove un tempo sorgevano i ghiacciai. In bici potrai percorrere invece la ciclabile del Mincio, che affianca il fiume e attraversa città come Peschiera del Garda, Monzambano e Mantova. Mentre in barca o in canoa si esplorano le valli del Mincio e il Lago Superiore.

GASTRONOMIA

Che dire infine della gastronomia mantovana, la mostarda e la sbrisolona, i risotti preparati con il Vialone Nano, i tortelli di zucca e il salame mantovano. Non vi resta che entrare in una delle tante osterie presenti nel centro città e godervi un pranzo reale. Qui l'elenco dei ristoranti presenti sul sito del Comune di Mantova, 

(Valeria Arini)