Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La buona destra di Filippo Rossi al Centro Il Salice

Arriva a Legnano il Manifesto per una buona destra di Filippo Rossi: l’appuntamento venerdì 15 novembre alle 19, al centro Pertini “Il Salice”.

          “Lo hanno definito il sistema Legnano; mesi di intercettazioni telefoniche e ambientali raccontate da Piazza Pulita avrebbero, secondo la magistratura, smascherato un sistema di potere e di affari: un Sindaco e un consiglio caduto grazie alle dimissioni di massa di 13 consiglieri tra cui 3 leghisti. Una Lega che nulla ha di nazionale arriva all’espulsione di coloro che si sono ribellati a queste logiche”, spiega il coordinamento di “Legnano Cambia”: “Legnano per i leghisti nazionali, per la destra populista, sovranista e anti europea non poteva e non doveva cadere: e invece a Legnano la destra ha fallito politicamente, ha mostrato il suo fianco più debole, l’incapacità amministrativa e la sua più spiccata personalità antidemocratica. E’ da questo dato che ripartiamo per una politica di cambiamento, per una risposta nuova e straordinaria che metta in campo le forze liberali e moderne, che possa essere di alternativa alla politica dell’odio e dalla paura”.

“Come all’interno di una stessa individualità ci possono essere il buono e il cattivo, e i medesimi impulsi possono sfociare in comportamenti diversi e contrapposti, ciò vale ancor di più per le identità collettive”, spiega invece Filippo Rossi: “Così all’alter ego capace di ogni nefandezza che vediamo oggi e che esprime l’istinto spaventato e arrabbiato, il subconscio bestiale, siamo qui per opporre una destra sana che deve reagire per riprendersi il suo posto nella storia e non finire come il protagonista del romanzo, uccisa dalla sua stessa ombra. Vogliamo accettare la sfida del nuovo e il cambiamento come stile di vita camminando con tutti coloro che si sentono viandanti culturali, migranti politici, e che rifiutano la retorica delle radici e la tirannia degli album di famiglia”, conclude il giornalista e autore. 

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI