Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Giornate FAI d'autunno, i luoghi da visitare

Nel 2018 il FAI (Fondo Ambiente Italiano) ha promosso la campagna “Salvalacqua” per sensibilizzare i cittadini sul valore di questa preziosa ma sempre più scarsa risorsa.

Molti percorsi di quest'anno, durante la Giornata FAI d'autunno (domenica 14 ottobre), avranno l'acqua come filo conduttore. Infatti, tra le tantissime realtà prese in considerazione sul territorio nazionale, saranno numerosi i luoghi come fiumi, mulini, dighe, fontanili, marcite, cisterne o acquedotti.

Nel territorio attraversato dal fiume Olona, da Legnano alle porte di Milano, saranno visitabili alcuni siti particolarmente interessanti per l'importante influenza che il fiume ha avuto nei secoli sulla storia, l'ambiente e l'attività umana. 

I numerosi volontari delle delegazioni FAI della zona aiuteranno i visitatori nelle visite


FAI - DELEGAZIONE DEL SEPRIO

“Una via verde lungo l’Olona” - Il percorso di questa “via verde” si snoda lungo il fiume Olona su strade in gran parte ciclabili e sterrate, immerso nel millenario paesaggio agrario unico per flora e fauna, là dove l’agricoltura è riuscita a sopravvivere all’espansione urbanistica, tra storici mulini ed eccellenze artistiche e naturalistiche.

La prima è la chiesetta di Santo Stefano al Lazzaretto in via Fornasone a San Vittore Olona. Si tratta del più antico luogo di culto del Paese, compare infatti già in un elenco del monaco Goffredo da Bussero della fine del ‘200. Al suo interno ospita ben tre cicli d’affreschi: uno del XV, uno del XVI ed uno del XVIII secolo.

Dall’architettura religiosa si passa a quella civile con il Mulino Meraviglia in via Barlocco. Risale al 1230 e la sua struttura originaria è ancora riconoscibile. È rimasto in attività fino agli anni ’80 del secolo scorso quando è stato trasformato in azienda agricola ma è ancora possibile visionare i macchinari dell’antico mulino.

Il terzo edificio incluso nell’itinerario è invece Villa Adele in Via Fratelli Bandiera, sempre a San Vittore Olona. Oggi sede della biblioteca è un classico esempio di residenza alto borghese della seconda metà dell’800. Venne realizzata dal noto imprenditore Faustino dell’Acqua come residenza estiva per la sua famiglia. Gli elementi architettonici della villa faranno da cornice alle numerose attività culturali in programma per la giornata. 

Il quarto asso di questo fantastico poker artistico ambientale è l’area ecosistemica la Foppa, un antico alveo del fiume dove un tempo si accumulava l’acqua che irrigava le marcite. Oggi la Foppa è alimentata con l’acqua dell’Olona tramite un sistema di fitodepurazione realizzato grazie al lavoro sinergico tra amministrazione, Associazione Olona Viva e il PLIS dei Mulini. In questo luogo nel giro di pochi anni, sonno tornate numerose specie di volatili che da tempo avevano abbandonato questa zona. Anche in virtù del fatto che tutta l’area è stata stralciata dall’attività venatoria.


FAI - DELEGAZIONE MILANO NORD OVEST

La delegazione ha individuato tre luoghi del territorio situati lungo la valle del Basso Olona, zona dove l’acqua ha sempre giocato un ruolo fondamentale per l’economia e la storia locale.

CASTELLO DI LEGNANO: fortezza storica, nata nel XIII sec., e situata su di un’isola naturale dell’Olona. Un percorso tra storia, arte e natura, per comprendere come le acque dell’Olona abbiano caratterizzato la storia di Legnano e del territorio. Indirizzo: Legnano, via Castello 1 

MULINO SANT’ELENA: uno dei pochi mulini superstiti del territorio milanese. Quello di Pregnana Milanese è un esempio, ancora funzionante, ma bisognoso di essere salvaguardato dall’incuria del tempo. La visita ripercorrerà la storia dell’edificio con una serie di aneddoti sulle tradizioni e la vita agricola locali. Indirizzo: Pregnana milanese, Via Mulino Sant’Elena. 

PARCO DEI FONTANILI: un percorso di 800m circa in un’isola verde e boschiva nel cuore dell’hinterland milanese. L’area, di notevole interesse storico-naturale, rientra in un piano di recupero e sviluppo, che grazie al FAI, ha ricevuto fondi da parte della Comunità europea, con cui collabora e promuove il sito. Indirizzo: Rho, via San Martino (in fondo alla via verso Sud). 

Tutti e tre i siti visitabili domenica 14 ottobre, dalle 10 alle 17,30. 

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI