Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Leone da Perego "torna" nella sua residenza legnanese

Leone da Perego "torna" nella sua residenza legnanese, nel palazzo che fece costruire, in cui visse per alcuni periodi della sua vita e in cui morì.

La Società Arte e Storia, in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Legnano, ha colto con favore l'opportunità di presentare alla cittadinanza i risultati delle ricerche effettuate da Piero Airaghi, storico rhodense che si è appassionato alle vicende dell'Arcivescovo che resse la Diocesi ambrosiana dal 1241 al 1257.

Piero Airaghi ha raccolto in 20 pannelli il materiale che racconta l'intensa vita del prelato milanese e le complicate vicissitudini "post mortem". Ha arricchito le informazioni storiche, che si sono andate delineando con sempre maggior completezza, con quanto emerso in tempi recenti: la scoperta della "mummia di Rho", gli studi scientifici effettuati con le moderne e sofisticate tecnologie.

La mostra documentaria, curata da Pietro Airaghi, "LA LUNGA E TRAVAGLIATA STORIA DI LEONE DA PEREGO FRATE FRANCESCANO ARCIVESCOVO DI LEGNANO" sarà inaugurata a Palazzo Leone da Perego sabato 12 maggio alle ore 16,30 in via Gilardelli, 10.

Per l'occasione saranno esposti tre ulteriori pannelli redatti dal Dottor Dario Rondanini, socio e consigliere di Arte e Storia, per fornire utili e interessanti notizie sulla sede della mostra.