Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

In Lombardia il 23,1% delle startup italiane: come valorizzarle al meglio?

Le startup sono per definizione delle imprese che presentano una forte dose di innovazione e che sono configurate per crescere rapidamente. Queste non rappresentano un valore esclusivamente per gli imprenditori, ma anche una risorsa utile per potenziare l’economia regionale e, di riflesso, anche quella nazionale. La Lombardia brilla in questo particolare campo, guadagnando il primo posto in classifica: è qui infatti che si trova il 23,1% delle startup italiane. Cerchiamo di approfondire questo dato, per capire com’è possibile valorizzare al meglio questi nuovi business.

Lombardia in vetta per startup nazionali ed estere

In Lombardia si trova il 13% delle nuove startup italiane nate in questo 2018, percentuale che sale al 23,1% se si considerano tutte le startup operanti in Italia. È questo il risultato riportato dagli studi realizzati dalla School of Management del Politecnico di Milano, secondo cui nessun’altra regione nello Stivale può attualmente vantare lo stesso tasso di crescita. La regione conquista la medaglia d’oro anche per quanto riguarda la presenza di startup straniere, con un ottimo 29% presente su suolo lombardo, precedendo in classifica anche la Capitale.

A livello provinciale, quella di Milano risulta in testa sia per quanto concerne il fattore dell’imprenditorialità sia per quanto concerne credito, occupazione ed esportazioni; risultano invece in calo realtà come Sondrio e Pavia. Subito dopo la Lombardia troviamo due realtà storicamente proficue: l’Emilia Romagna e il Veneto, che si posizionano al secondo e terzo posto con una percentuale rispettivamente pari all’11% e all’8%.

Come aumentare la visibilità di una startup?

Le startup non possono che fare tesoro del boom dell’utilizzo di Internet per la promozione dei propri prodotti e servizi. Strumenti come social network (in particolare Facebook, Twitter, LinkedIn e Instagram) e piattaforme di advertising come Google AdWords sono infatti utilissimi per la visibilità di una startup, offrendo potenzialità enormi a costi molto ridotti. Altro fattore imprescindibile per la valorizzazione di una startup è la famosa SEO (dall’inglese “Search Engine Optimization”), ovvero quell’insieme di strategie che migliora il posizionamento del proprio sito aziendale su motori di ricerca come Google, aumentando di conseguenza il successo della stessa.

Gli acronimi e le novità informatiche vi fanno venire il mal di testa? Niente panico, sebbene quella della tecnologia sia una strada che offre molti vantaggi, non è l’unica praticabile: anche la tradizionale pubblicità cartacea è più viva ed efficace che mai, includendo strumenti destinati a non passare mai di moda come business card, volantini promozionali, dépliant e brochure. Per risparmiare sui costi è anche possibile affidarsi a servizi di stampa digitale online come Doctaprint.it. Infine, non sono affatto da sottovalutare le fiere di settore: gli eventi fieristici sono infatti perfetti per farsi conoscere all’interno del proprio mercato, studiare a fondo i competitor e fare networking; un ottimo modo per attirare l’attenzione di nuovi potenziali clienti o aziende con cui avviare collaborazioni.