Restauro basilica di San Magno: "Massima attenzione alla sicurezza"

In questa nuova puntata della rubrica "Dentro il cantiere della Basilica" abbiamo intervistato Gabriele Donati, coordinatore per la sicurezza del cantiere finalizzato al restauro e di messa in ripristino della chiesa cinquecentesca di Legnano.

Un intervento che ha una notevole rilevanza in termini tecnico-esecutivi ma anche impegnativo sotto il profilo della gestione della sicurezza nell'ambito del cantiere. «Stiamo attuando un buon protocollo di controllo di coordinamento nell'ambito del cantiere - spiega Donati - con la fortuna di potere lavorare con aziende che sono ben strutturare sul territorio, con le quali abbiamo un ottimo rapporto di collaborazione: le diverse competenze vengono messe in campo anche per garantire massima supporto e attenzione rivolto alla tutela della salute e della sicurezza». 

 La media giornaliera degli operatori che opera nel cantiere è di 4-5 persone, tra tecnici e maestranza: «La fase di lavoro più delicate - spiega ancora Donati -  in termine di sicurezza è quella relativa alle opere quali ponteggi, parapetti e passerelle. Le abbiamo realizzate in modo scrupoloso e attento per seguire tutte le variazioni strutturali esterne della nostra basilica».

Per finanziare il progetto, la parrocchia di San Magno, con un comitato, ha lanciato il progetto Anche io Restauro San Magno coinvolgendo la cittadinanza. 

Video di J.J. Bustamante

Qui l'intervento di restauro della volta cinquecentesca

 

(Valeria Arini)