Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Michela e Davide oro agli Europei di Aerobica

Mameli risuona nella Minsk Arena, pochi minuti dopo l’assegnazione all’Italia, in quel di Losanna, dei Giochi Invernali del 2026. Manco a farlo apposta, sono proprio due atleti quasi di Milano, la legnanese Michela Castoldi e il brianzolo di Vimercate Davide Donati a far partire l’inno, dopo essersi aggiudicati l’oro degli European Games nella coppia mista di Ginnastica Aerobica.

Entrati in pedana per ultimi su dodici Nazioni, il re e la regina iridati hanno sorpassato di mezzo decimo di punto il duo rumeno composto da Dacian Barna e Andreea Nicolae Bogati.

Bronzo per i russi Tatyana Konakova e Grigorii Shikhaleev. 

“L’esecuzione dei due azzurri è stata superlativa (8.650) – racconta la DTN Luisa Righetti Sezione di Aerobica - ed hanno ottenuto la seconda nota di difficoltà della gara, 3.300, con un Artistico da 9.100. Questo successo archivia del tutto la delusione degli Europei di Baku di un mese fa, quando un errore vistoso proprio sul sollevamento impedì ai ragazzi di entrare in finale.

     “Vorremmo dedicare questo successo allo staff di allenatori che ci seguono, sia in Nazionale, sia in società all’Aerobic Fusion – dichiara Michela in mixed zone  - in particolare Gloria Cappai, e poi ancora, Andrea Brambilla, Marta Pozzoni, Giulio Castoldi e Vito Cristallo. Vogliamo nominarli tutti, perché se lo meritano. Il nostro segreto? Prima di entrare ci diamo il cinque e ci abbracciamo più forte che mai. Qualche giorno fa ho fatto un sogno premonitore. Suonava l’Inno Nazionale e ci tenevamo per mano. Ora so che è tutto vero!”.

 “Anche qui non sapevamo il punteggio degli altri, siamo entrati in pedana per far bene  – conclude Donati – .  Ricordo ancora le parole di Gloria Cappai: quando entrate dovete pensare solo a voi stessi e alle persone che vi voglio bene. Così abbiamo fatto e siamo felici di aver ripagato tanto affetto”.

Fonte, Federazione Ginnastica Italiana