Coronavirus, in calo gli spostamenti dei lombardi

«I dati degli spostamenti delle persone che si muovono in Lombardia ci stanno dando segnali confortanti, segno che i cittadini hanno capito di non muoversi da casa se non per reali e indifferibili necessità». Lo ha spiegato il vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala, illustrando i dati sugli spostamenti dei lombardi desunti dal monitoraggio del cambio di celle telefoniche alle quali si agganciano gli smartphone in collaborazione con le compagnie che gestiscono i servizi di telefonia mobile

«Lunedì 23, primo giorno di ulteriori restrizioni - ha spiegato Sala - abbiamo avuto un 37% di spostamenti, ben sei punti percentuali sotto rispetto il lunedì precedente. Il weekend ha toccato la punta minima del 26% nella giornata di domenica, un dato che dimostra che sono state ridotte al minimo anche le passeggiate e le uscite, dopo la nostra ordinanza in cui abbiamo deciso di vietare di praticare attività all'aria aperta anche singolarmente. I risultati arrivano - ha concluso il numero due del Pirellone - dobbiamo fare ulteriori sacrifici per non disperdere questi grandi sforzi che noi tutti stiamo compiendo».