Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Parabiago, ANPI condanna gli atti vandalici in piazzale Martiri delle Foibe

Dura condanna dell'ANPI dopo che i vandali, a pochi giorni di distanza dal Giorno del Ricordo, hanno preso di mira Piazzale Martiri delle Foibe a Parabiago, cancellando con la vernice il cartelli di intitolazione e imbrattando le mura del palazzo municipale.

«ANPI di Parabiago - commenta il presidente Giorgio Nebuloni - condanna, senza se e senza ma, gli atti di vandalismo del cartello di intitolazione della piazza "Martiri delle Foibe" e le scritte apparse sui muri del municipio di Parabiago. Le parole espresse dal Presidente Sergio Mattarella in occasione della Giornata del Ricordo "Le foibe furono una sciagura nazionale sottovalutata, ma oggi bisogna stare attenti oltre al negazionismo all'indifferenza" rappresentano appieno il pensiero dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia. ANPI di Parabiago afferma che il vilipendio di un monumento alla memoria delle vittime delle Foibe non c'entra nulla con l'antifascismo e che scritte come quelle apparse sui muri del municipio cittadino costituiscono una offesa per tutti coloro che hanno combattuto contro il nazismo e il fascismo, per la liberazione della nostra Nazione dall'occupante nazista, per la libertà e per la democrazia. Tragedie come quelle dei campi di sterminio e delle foibe, che hanno visto massacrare intere popolazioni solo per la loro etnia vanno solo e sempre additate come stermini di massa ad opera di ideologie e fanatismi che chiunque possegga un minimo di obiettività storica non può che ripudiare».