Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ormoni della crescita nelle palestre, perquisizioni anche a Legnano

Ormoni della crescita venduti nelle palestre del Varesotto e della provincia di Milano. È quanto scoperto attraverso l'operazione “Solferino” che ha permesso di effettuare 6 arresti e 53 perquisizioni anche a Legnano, Nerviano, Rho, Luino e Marchirolo

      L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Milano, ed eseguita oggi, giovedì 6 febbraio, riguarda per l'appunto sei persone ritenute responsabili a vario titolo dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai danni del Servizio Sanitario Regionale, falsificazione di ricette mediche, ricettazione e commercio illecito di medicinali ad effetto anabolizzante. In questo contesto sono stati effettuati 53 decreti di perquisizione locale e personale a Milano, Pavia, Monza Brianza, Varese, Cremona, Torino, Lodi, Genova, Napoli e Salerno.

INDAGINI -   I militari hanno avviato le indagini nel giugno 2018 a seguito del sequestro di false prescrizioni mediche in una farmacia del capoluogo lombardo, risultate oggetto di furto in vari studi medici del milanese. Due le associazioni a delinquere individuate, risultate entrambe dedite all’illecito approvvigionamento di medicinali dopanti, in particolare contenenti il principio attivo “somatropina”, conosciuto anche come ormone della crescita, che venivano poi ricettati e smerciati nelle palestre delle province di Milano, Varese, Pavia e Lodi.

«Si tratta di fatti estremamente gravi - ha commentato l'assessore regionale allo Sport Martina Cambiaghi  -, in ragione dei pericoli per la salute che discendono dall'utilizzo incontrollato di farmaci senza alcuna prescrizione. L'invito, rivolto a tutti gli sportivi ma in particolare ai giovani che affollano le palestre, è di non cadere nel tranello di usare sostanze dannose per l'organismo per ottenere prestazioni oltre il proprio limite, che provocano danni pesanti all'organismo».

(Gea Somazzi)