Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Studenti dello IAL con l'ANPI per non dimenticare l'Olocausto

Il razzismo e l'antisemitismo non sono superati, il pericolo di tornare a nuove forme persecutorie è latente perchè «stereotipi e pregiudizi sono tra noi»Così il presidente dell'ANPI di Legnano, Primo Minelli, ha introdotto il film "Una volta nella vita", proiettato venerdì 24 gennaio in Sala Ratti a Legnano per sensibilizzare i giovani sul tema dell'Olocausto, le cui vittime saranno commemorate lunedì 27 gennaio in occasione del Giorno della Memoria.

      Alla proiezione hanno preso parte oltre un centinaio di  studenti delle cinque classi dello IAL«In un periodo dove si tende a dimenticare e a negare la storia, noi abbiamo l'obbligo di ricordare - ha sottolineato Minelli rivolgendosi ai ragazzi -. E tenete conto che stiamo parlando di fatti accaduti soltanto 75 anni fa. Dobbiamo fare i conti con il passato anche se è negativo: sono stati gli italiani ad inventare il fascismo, è partito tutto da qui, poi i tedeschi lo hanno perfezionato. La questione del razzismo e dell'antisemitismo, che pensavamo essere chiusa e superata sta, invece, tornando. Dobbiamo combattere questo modo di pensare distorto e sbagliato con il virus della conoscenza».

(Gea Somazzi)