Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

In pensione il dott. Maurizio Rossi, medico di base a Cerchiate

  • CRONACA / PERO
  • mercoledì 08 gennaio 2020
  • 183 Letture

Dallo scorso primo gennaio il dottor Maurizio Rossi, Medico di base operativo a Cerchiate dal 1990, è in pensione. Immediatamente il Sindaco Maria Rosa Belotti si è attivata inoltrando una lettera al Dipartimento di Cure Primarie della ATS Milano Città Metropolitana allo scopo di avere informazioni in merito alla copertura dell’utenza di Cerchiate e Cerchiarello, all’eventuale sostituto del dottor Rossi, all’apertura delle graduatorie e alla presenza di medici che potrebbero ricoprire il ruolo di medico di base a Cerchiate e Cerchiarello. Oggi è arrivata la risposta di ATS a firma del Direttore Generale Walter Bergamaschi. Il Dipartimento Cure Primarie di ATS Città Metropolitana ha assicurato il continuo monitoraggio della disponibilità di medici di base e la continua valutazione di eventuali carenze.

    “L’ambito di Rho Pero – recita la risposta inoltrata da ATS – inteso come territorio all’interno del quale, in base alla recente normativa, opera il medico di base di riferimento, non risulta carente e non è stato pertanto individuato un incaricato al posto del dottor Maurizio Rossi”. ATS riferisce che vi sono disponibilità presso altri medici di base (800 posti a Pero e 1.400 a Rho) sufficienti ad accogliere gli assistiti del dottor Rossi che, al 7 gennaio 2020, risultano essere 580. Nello specifico il dottor Pasquale Piarulli che opera a Cerchiate, ha 800 posti liberi. ATS riferisce, inoltre, che è stato pubblicato un bando con due posti per Medici di Medicina Generale nell’ambito Rho – Pero. L’iter dovrebbe concludersi il prossimo mese. La disponibilità di questi professionisti potrebbe ulteriormente facilitare la scelta dei cittadini sul territorio.

“Ringraziamo ATS per la risposta immediata alle nostre sollecitazioni – ha dichiarato il Sindaco Belotti – considerata la delicatezza della questione era nostro dovere sollecitare l’Agenzia di Tutela della Salute in modo da tranquillizzare i cittadini di Cerchiate sulla continuità dell’assistenza medica di base”.