Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Movibus, la corsa dello z603 rimane (per ora)

La corsa delle 15:05 da Cadorna a San Vittore Olona della linea z603 di Movibus rimane. Quello di oggi, quindi, non sarà l'ultimo viaggio, al contrario di quanto era stato previsto. Dopo le lamentele e richieste di intervento dei cittadini, che hanno fatto muovere il sindaco di Nerviano Massimo Cozzi, la corsa rimarrà attiva. Almeno per ora.

«Prendiamo atto con piacere della comunicazione arrivata da Movibus e dall’agenzia del trasporto locale della Città Metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia, di riconsiderare la soppressione di due corse (andata e ritorno) della linea Z603 - commenta il primo cittadino di Nerviano -, rimandando ogni decisione sul merito della questione, solo dopo un confronto più ampio con tutte le parti interessate».

Sulla questione erano stati coinvolti il consigliere di Città Metropolitana Raffaele Cucchi (sindaco di Parabiago), i consiglieri regionali Silvia Scurati e Simone Giudici e il Patto dei sindaci dell'Alto Milanese. «E’ evidente che se si lamenta un solo sindaco ha un peso, se lo fanno diversi sindaci assieme, che rappresentano un territorio più vasto, il peso è molto maggiore - aggiunge Cozzi - E’ chiaro che un tema come quello del trasporto pubblico non può e non deve avere una colorazione politica, ma occorre fare ogni sforzo comune per salvaguardare i pendolari (lavoratori e studenti) che ogni giorno utilizzano i pullman. Restiamo in attesa ora, assieme agli altri sindaci, di incontrare i vertici dell’Agenzia del Trasporto Pubblico Locale e di Movibus, per approfondire concretamente la problematica descritta e, in generale, la situazione del trasporto pubblico su strada».

Soddisfazione è espressa anche dal consigliere regionale rhodense Simone Giudici, che ieri aveva  indirizzato a Movibus una lettera sulla questione.

(Chiara Lazzati)