Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Falcone e Borsellino commemorati a Legnano

Legnano ha ricordato il 27° anniversario della strage di via D'Amelio a Palermo in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

  Oggi pomeriggio, sabato 20 luglio, il coordinamento milanese di “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, infatti, ha organizzato un'iniziativa pubblica di memoria e di impegno al "Falcone e Borsellino", radunando una ottantina di persone, in rappresentanza di varie associazioni come Amnesty international Legnano, Anpi Legnano, Associazione Cielo e Terra onlus, Comitato Legalità LegnanoAssociazione elasticamenteAssociazione PolisAzione cattolica della zona pastorale di Rho, Cgil Ticino Olona, Cisl Milano metropoli, Uil ovest Milano Lombardia, Compagnia dei gelosi, Legambiente circolo “Il gallo” di Parabiago, Slow food Legnano. Presenti anche l'onorevole Riccardo Olgiati, l'ex parlamentare Franco Monaco, rappresentati della Polizia di Stato e dei Carabinieri.

«L'iniziativa - è stato spiegato durante la commemorazione - è una tappa del percorso associativo che, da circa un anno, ha coinvolto diverse realtà sociali, sindacati e singoli cittadini verso la costituzione di un presidio territoriale della rete di Libera. Le recenti inchieste per fatti di corruzione a Legnano e contro le organizzazioni mafiose presenti sul territorio – grazie all'importante lavoro della magistratura e delle forze di polizia - hanno ancora una volta confermato la gravità di questi fenomeni in questa area della provincia di Milano. Per queste ragioni e per superare insieme il senso di smarrimento, di indifferenza o di rassegnazione di tante persone, la testimonianza del giudice Borsellino e delle tante vittime innocenti delle mafie e della corruzione costituisce - oggi più che mai - un richiamo ai principi costituzionali ed ai valori fondanti la nostra convivenza civile, a partire dalla Memoria come segno di speranza e di coraggio».