Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pinnarò e Musazzi, così è nata l'arte del murales in città

Pietro Pinnarò, artista di origini calabresi ma residente a Legnano dagli anni '80, ultimamente è stato impegnato nel restauro di alcuni murales presenti al Teatro Galleria.

Una occasione per ricordare anche la presenza di altri dipinti, omaggio a Felice Musazzi e un ricordo di come e perchè proprio il "Galleria" ha tenuto a battesimo l'arte del murales.

 "All'inizio degli anni 80, arrivato a Legnano - spiega Pinnarò - frequentavo il bar Galleria dove Felice Musazzi veniva spesso a bere il caffè. In quelle occasioni ci siamo conosciuti ed è nata la nostra amicizia. Un'amicizia durata nel tempo. Le poche volte che parlavamo di arte mi ricordava sempre che il Cinema Teatro Galleria era il suo teatro dove spesso si esibiva con la  compagnia teatrale, i Legnanesi. E molto spesso mi ricordava che avrebbe avuto il piacere di essere rappresentato con un mio murales all'interno del teatro stesso. Così, ho deciso di fare questo omaggio a Felice Musazzi. In seguito, parlando con Paolo Borroni, proprietario del Teatro, è nata  l'idea di realizzare altri due murales".

"Dopo 40 anni dalla loro esecuzione mi sono accorto che necessitavano di alcuni ritocchi di restauro, che ho eseguito nel mese di giugno. Credo proprio che siano stati i primi murales realizzati a Legnano in quegli anni", sorride soddisfatto Pietro Pinnarò, l'artista dei colori mediterranei e dei murales legnanesi.

 

(Marco Tajè)