Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Underskin porta Cerro Maggiore due jazzisti di fama internazionale

Il grande jazz ha fatto tappa a Cerro Maggiore. A rompere il ghiaccio per la prima serata assoluta del nuovo festival "Underskin" ci hanno pensato due tra i musicisti più rinomati a livello mondiale ed europeo: il pianista Enrico Pieranunzi, uno dei migliori pianisti di sempre al mondo definito anche "l'eroe del jazz", e l'armonicista Max De Aloe, da anni tra i più grandi armonicisti jazz in Italia ed all'estero.

Il duo ha incantato il pubblico dell'auditorium di via Boccaccio con un concerto gratuito che ha proposto, tra i tanti brani, anche "Soft Journey" scritto da Pieranunzi per la tromba di Chet Baker. E tra un pezzo e l'altro, chiacchierate tra i due che hanno svelato dettagli e curiosità sulle loro carriere.

Il festival, organizzato dal Corpo Musicale Cittadino con il patrocinio del Comune di Cerro Maggiore, vedrà ancora due date, con teatro la galleria Grassi: venerdì 28 giugno sarà la volta del Marco Sciuccati Core Quartet, mentre mercoledì 3 luglio la chiusura della prima edizione di UnderSkin sarà affidata ai suoi della chitarra e del vibrafono di Bebo Ferra e Andrea Dulbecco.

(Chiara Lazzati)