Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

A Expo 2020 Il giardino verticale della startup legnanese GardenStuff

Anche ELIoT, il giardino verticale e "smart" della startup legnanese GardenStuff, tra i 20 progetti vincitori della "Design competition Expo Dubai 2020".

Il prodotto innovativo dell'azienda di Francesco Tirinnanzi, con sede a Legnano, è stato scelto da Regione Lombardia per rappresentare il Design made in Italy a Dubai 2020 e sarà esposto nel padiglione Italia. 

Le premiazioni si sono svolte giovedì 11 aprile nel palazzo della Regione Lombardia: sul palco insieme a Francesco Tirinnanzi, Niccolò Orlandi, giovane e promettente designer selezionato da GardenStuff per disegnare Eliot e Marnix Groet, Investor Relations della startup.

«ELIoT - spiega il legnanese Francesco Tirinnnazi, chimico industriale - è un giardino verticale composto da un elemento che si attacca al muro con due tasche laterali, configurabili per colori e gusti che fungono da vasi. All'interno di questo parallelepipedo progettato per contenere una ingente quantità di terra, è presente un microchip che, collegato ad alcuni sensori, invia messaggi via app con informazioni sullo stato di salute delle piante: dall'allarme per non dimenticare di innaffiarle, alla luminosità, fino a tutta una serie di suggerimenti che possono migliorare la vita delle piante e di chi le accudisce. Una volta sviluppato, ELIoT, che sfrutta appunto la tecnologia IoT, renderà così la cura delle piante più semplice e veloce». 

Il prodotto sarà sviluppato grazie anche ai 20mila euro messi in palio da Regione Lombardia: «La selezione non è stata semplice e siamo soddisfatti - commenta Tirinnazi -. Potere esporre il nostro prodotto nel padiglione Italia in un'expo mondiale dedicata alla sostenibilità ambientale, è per noi un'enorme opportunità». 

GardenStuff, startup fondata nel 2017 dall'imprenditore Francesco Tirinnanzi grazie all'incontro con un Businnes Angels, Marnix Cristiaan Gröet, è in possesso di 5 brevetti, un brevetto di design e un marchio registrato con i quali è già leader nello sfruttamento di finestre e davanzali e ora punta a diventare la prima azienda a integrare e far interagire le piante con i sistemi IoT. 

GardenStuff è in attivo con una campagna di crowdfunding sul portale Opstart il cui ricavato andrà proprio a sostenere la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti, tra cui ELIoT.

 

 

(Valeria Arini)