Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Oltrestazione: stroncato un giro di droga pari a 150mila euro al mese

    La Polizia Locale di Legnano,  con un’azione a  sorpresa,  ha messo fine ad un’intensa attività di spaccio di sostanze stupefacenti nella zona Oltrestazione.

Una decina di operatori, con il supporto del nucleo cinofilo della Polizia Locale di Milano, hanno fatto irruzione in un appartamento al pian terreno di una palazzina sita non distante dalla ferrovia, dove si trovavano 4 individui di nazionalità tunisina.

Nascoste nell’appartamento venivano trovate e sequestrate 50 dosi di cocaina (pari a  circa 24 grammi) perfettamente confezionate e pronte ad essere smerciate, oltre a 1 bilancino di precisione.

Venivano inoltre sequestrati una decina di cellulari, 1 coltello e circa duemila euro in contanti.

Gli occupanti l’appartamento venivano  ammanettati e condotti in Comando di c.so magenta.

Tutti risultavano già noti  ed in posizione di clandestinità rispetto alla permanenza sul territorio nazionale.

Per uno di questi (anno nascita 1991) è scattato l’arresto immediato, gli altri tre (anno di nascita 1982, 1986, 2001)  sono stati fermati e condotti il giorno dopo in Questura per l’espulsione.

    L’arrestato è stato  condotto in Tribunale di Busto il mattino successivo  per la direttissima.

L’azione è scaturita dopo  un’accurata indagine portata avanti per qualche mese dai Falchi della Polizia Locale, condotta mediante appostamenti e registrazioni da apparecchi di  videosorveglianza,  grazie alla quale  veniva accertato un fiorente commercio al dettaglio di cocaina, che si estendeva nell’ambito del quartiere Oltrestazione e anche oltre.

Il continuo via vai di clienti nell’appartamento e l’attività svolta in maniera diffusa sul territorio, organizzata nell’arco delle 24 ore,  in particolare nei giardini di via Venezia , era motivo di allarme sociale tra i cittadini.

Il  giro di affari è stato quantificato in qualche migliaio di euro giornaliere e fino al 150.000 mensili.