Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cerro Maggiore rischia di pagare 1,6 milioni per la piscina e NAM

Una spada di Damocle sul Comune di Cerro Maggiore. L'amministrazione rischia di dover pagare oltre un milione e mezzo di euro all'Istituto del Credito Sportivo. Per la precisione si tratta di 1.664.227 euro dovuti poichè Nuoto Alto Milanese, la realtà che ha realizzato e gestisce la piscina comunale, risulta inadempiente verso l'istituto.

Il Credito Sportivo ha scritto a Palazzo Dell'Acqua nei giorni scorsi. Il Comune, in qualità di garante per NAM, nei limiti della fideiussione rilasciata, sarà obbligato a effettuare il pagamento dell'intero debito e, in caso di mancato pagamento, ulteriori interessi di mora.

L'amministrazione comunale, come ha fatto sapere durante il consiglio comunale di ieri sera, giovedì 20, si è adoperata per trovare una soluzione alla situazione. Come ha relazionato l'assessore al bilancio Matteo Bocca il Comune ha ripreso i contatti con il Credito Sportivo e ha sollecitato NAM nel pagamento. Per il momento è stato scongiurato il pagamento dell'intera somma. Cerro Maggiore ha però dovuto versare 30mila euro a titolo di manifesta buona volontà di risolvere il debito e si è presa l'impegno di pagare il tutto nel 2019, o tramite casse comunali o tramite NAM.