Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ciao, Maestro...

Oggi è veramente una brutta giornata, ci ha lasciati Max Croci.
Per molti questo nome non dice nulla, per me rappresenta ciò che di meglio mi ha potuto dare il mio percorso accademico cinematografico.
Regista di livello nazionale, ma prima di tutto una persona simpatica, disponibile, grande esperto di cinema come pochi.
Avrei potuto fare ore infinite di lezioni con lui che non mi sarei mai stancato. 
Quando era riuscito a girare il suo primo film, Poli Opposti (2015), ero super contento per lui e corsi immediatamente a vederlo al cinema. Poi uscirono “Al Posto Tuo” (2016) e “La verità, vi spiego, sull’amore” (2017). 
Corsi subito a mandargli un messaggio congratulandomi per il suo percorso e augurandogli di fare ancora meglio. 
Aveva 50 anni, nato a Busto Arsizio, a un passo da Legnano. 
Ti fa sperare che anche tu, giovane legnanese, ce la puoi fare. 
Non so, mi ha sempre trasmesso una grande positività, quella positiva umiltà che non ha mai smesso di dimostrare. 
Non scorderò mai le sue lezioni su De Palma e Hitchcock, su quei dettagli che lui amava e che altri trovavano superflui. Forse questo ultimo aspetto, i dettagli, sono la cosa che mi colpirono e che oggi porto nel mio bagaglio registico. 
Credo che per un regista la massima aspirazione sia dirigere un film, lui c’è l’ha fatta. Il suo segno l’ha lasciato su questo pianeta.
Ciao, maestro…

J. J. Bustamante