Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Soragni: «Il morbillo minaccia l'Europa e l'Italia»

A scuola appena iniziata, il consigliere di minoranza di Lega Nord, Angelo Soragni, torna su un argomento affrontato alcuni mesi fa in consiglio comunale, riguardo l'autocertificazione che i genitori possono fare per la riammissione a scuola dopo che i loro bambini hanno contratto una malattia infettiva.

«In base alla legge di Regione Lombardia non è necessario il certificato medico per la riammissione dopo 5 giorni di malattia - spiega il dott. Soragni -. Bisogna però evidenziare che nei primi sei mesi del 2018 in Italia vi sono stati ben 2009 contagi di morbillo e il nostro Paese si conferma così ai primi posti in Europa per numero di casi. Ma vi sono molte altre malattie che richiederebbero un controllo medico prima del rientro in comunità».

Angelo Soragni propone quindi di istituire nelle scuole di Castellanza (nido, scuola materna e scuole primarie) «l'obbligo di visita medica e certificato di guarigione prima del rientro in classe. Ritengo che i genitori debbano essere sicuri che i loro figli siano effettivamente guariti dopo malattia. Il Sindaco (Mirella Cerini, ndr),  essendo responsabile della salute dei suoi cittadini, ha tutta l'autorità per regolamentare la riammissione a scuola dei bambini tenendo presente che il centro europeo per il controllo delle malattie infettive mette l'italia ai primi posti per il numero dei casi di morbillo».