Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Provvedimenti contro la proliferazione dell'ambrosia

Il regolamento di Polizia Urbana - comunica il comune di Busto Arsizio attraverso una nota stampa - stabilisce le misure da adottare contro la diffusione dell’ambrosia, pianta che, come purtroppo molti cittadini sanno, produce un polline fortemente allergenico che può essere fonte di sintomatologie asmatiche con serie ripercussioni sull’apparato respiratorio.

Solo provvedendo allo sfalcio delle aree infestate nei periodi antecedenti la fioritura della pianta, cioè prima della maturazione delle infiorescenze maschili che producono polline allergizzante, si può ridurre in modo significativo la diffusione del polline stesso, determinando inoltre una notevole riduzione del numero di piante.

L’articolo 37 del regolamento dispone infatti che  “I proprietari e/o i conduttori di aree agricole non coltivate, di aree urbane incolte, di aree industriali dismesse, i responsabili di cantieri edili, delle banchine stradali, e di tutte le altre aree limitrofe ad insediamenti abitativi, per le rispettive competenze, dovranno eseguire periodici interventi di manutenzione e di pulizia delle aree di propria pertinenza prevedendo quantomeno due sfalci annuali al fine di contrastare il proliferare della pianta infestante denominata “ambrosia”, nei seguenti periodi:

1° sfalcio: nella terza decade di luglio (indicativamente nell’ultima settimana),

2° sfalcio: fine agosto (indicativamente tra la fine della seconda decade e l’inizio della terza).

In caso di mancata esecuzione degli sfalci, fatta salva l’adozione dei conseguenti provvedimenti sanzionatori, è avviata d’ufficio la procedura per l’esecuzione da parte dell’Amministrazione Comunale con addebito delle spese occorse a carico degli inadempienti”.