Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ualz, conferenza sullo spreco alimentare

Un altro evento di attualità alla Sala Ratti: il 19 marzo l’On.Maria Chiara Gadda ha tenuto, su invito della UALZ, una video-conferenza sulla Legge 166/2016 “antisprechi” di cui è stata relatrice in Parlamento.
Ci ha rispolverato dei ricordi della nostra educazione famigliare che ci ha insegnato come in famiglia non si sciupasse nulla.  Le “rustiche” ricette del giorno dopo erano un saggio riutilizzo del cibo avanzato il giorno precedente: era una forma spontanea e silenziosa di rispetto sia della “materia prima” che del denaro speso per acquistarla.
E’stato oltremodo interessante sapere come oggi, grazie a questa legge che ha semplificato procedure burocratiche e fiscali, sia più facile donare le eccedenze (non solo alimentari) poiché è stato ampliato il “paniere dei beni donabili”.
Non è mancato un sorriso, e forse così si è sciolto un probabile imbarazzo, quando l’On.Gadda ha ricordato che chiedere il “family-dog” al ristoratore nel caso avanzassimo parte del cibo ordinato, non è così fuori luogo: non solo l’abbiamo pagato, ma sarebbe davvero uno spreco ed una mortificazione per l’impegno di chi ha cucinato. All’estero, questa è una prassi “normale”.
L’On.Maria Chiara Gadda si è scusata per gl’impellenti impegni politici che l’attendevano a Roma e che l’hanno costretta ad utilizzare la video-conferenza, promettendoci di ritornare prossimamente ad incontrarci di persona.

Daria C.

(Immagine ripresa da ciriesco.it)