Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Treni, Toia (Lista Maroni) : buone notizie dal tavolo territoriale Ovest

Si è tenuto nei giorni scorsi il tavolo territoriale riguardante il Servizio ferroviario regionale dei quadranti Est, Ovest, Sud e Nord, alla presenza dell’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte, dei vertici di Trenord, di alcuni amministratori locali e dei comitati pendolari.

«Regione Lombardia – spiega Carolina Toia, consigliere regionale del gruppo “Maroni Presidente-Lombardia in Testa”, presente anche quest’anno alla riunione – attraverso gli incontri periodici dei Tavoli territoriali per lo sviluppo del servizio ferroviario regionale, intende mantenere un filo continuo con gli utenti e con i diretti responsabili del regolare svolgimento del servizio, affinché siano raccolti i suggerimenti e le istanze del territorio e sia costantemente monitorato l’avanzamento dei lavori».

«Per quanto concerne il Tavolo Ovest – prosegue Toia – inerente alle linee per Novara, Varese, Luino e Domodossola, le buone notizie riguardano la riapertura prevista per il 10 dicembre della linea Laveno-Luino e la riapertura della tratta Varese-Porto Ceresio dal 7 gennaio 2018, congiuntamente all’attivazione della nuova linea Arcisate Stabio che permetterà di collegare direttamente Varese con Lugano e con Como con cadenza oraria. Buone notizie anche per la programmazione della revisione della flotta regionale e la manutenzione delle stazioni: le obliteratrici oggi esistenti, ma spesso guaste, saranno sostituite con un servizio di bigliettazione elettronica».

«Tuttavia, non posso nascondere il mio personale rammarico per la mancata conferma, da parte di Trenord, del potenziamento del Milano-Luino delle 17.06 per “mancanza di materiali”. Si tratta infatti di un impegno precedentemente assunto da Trenord, che ora sembra però tornare sui suoi passi.  Ho ritenuto dunque necessario, sentiti i comitati dei pendolari, presentare un’interrogazione in Consiglio regionale per conoscere approfonditamente le motivazioni di un tale cambio di rotta e le tempistiche dei futuri lavori. È indispensabile – conclude la consigliere della Lista Maroni – che Regione Lombardia faccia sentire in ogni sede la propria voce affinché un servizio importante ed anzi indispensabile per l’utenza sia finalmente garantito».