Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cucinare con i fiori, la nuova frontiera del gusto

I fiori si possono mangiare? Non solo, se ben abbinati ad altri ingredianti, sanno rendere unici e gustosi piatti ricercati e prelibati. Stiamo parlando dei cosiddetti fiori eduli, come surfinie, begonie e tageti, fiori commestibili da gustare da soli o in abbinamento con dolce e salato. Veri e propri ingredienti, come insalata o cavolfiori, che Marco Nigro, ex studente dell’istituto agrario Mendel di Villa Cortese, sta cercando di fare conoscere e diffondere con la sua start-up: i Fiori di Hortives.

Insieme al padre Antonio, esperto barman della zona, è venuto a trovarci in redazione per mostrarci questa affascinante attività che nasce in una serra a Castellanza dove crescono esclusivamente fiori eduli. 

Gaia Accoto (nel video Smart-News) ha provato per voi la begonia, fiore dal gusto delicato che ricorda l'acidulo del melograno, e la surfinia, fiore dal gusto delicato e intenso allo stesso tempo che va gustata priva del gambo verde dal sapore più erbaceo. Ha poi assaggiato le foglie eduli come quella d'ostrica, il cui gusto (di ostrica) arriva in un secondo momento.

Come è nata questa idea?: «L'utilzzo di fiori soprattutto nell'alta cucina sta diventando sempre più una moda. Molti vivaisti - spiega Marco - hanno così colto l'occasione per ampliare l'offerta coltivanndo anche fiori commestibili. Noi abbiamo deciso di coltivare esclusivamente fiori commestibili in tantissime varietà con l'obiettivo di spingere l'utilizzo dei fiori, non solo come decorazione, ma come ingrediente, come nuovo sapore».

Marco e Antonio hanno preparato squisiti pasticcini e torte (in collaborazione con la pasticceria Sempione), tartine da accompagnare all'aperitivo e due cocktail, uno a base di spumante, frutto della passione e finger lime, e uno a base di rum e fiori di tagete: «È proprio nei drink - ha spiegato Marco - che il fiore riesce ad esprimere al meglio il proprio gusto».

Oltre a collaborare con la Pasticceria Sempione di San Vittore Olona, i fiori di Hortives, fornisce alcuni ristoranti della zona: ristorante Rosso di Sera di Busto Arsizio, ristorante La Barca di Rho, ristorante La Maison d'Andrè a Gallarate.

(Valeria Arini)