Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rimossa un'altra edicola e sono 10 in pochi anni

E dieci! Tante sono le edicole sparse sul territorio chiuse nell'arco degli ultimi anni. Una sequenza quasi senza pausa di continuità: Olmina, via Dante, via Melzi, corso Italia, Piazza San Magno, via Podgora, viale Gorizia, Coop viale Toselli, parcheggio via Diaz, via Ferruccio e da oggi, lunedì 17 luglio, quella storica di corso Magenta accanto alle scuole Bonvesin de la Riva. Se pensiamo che sono rimasti attivi solo una ventina di punti vendita, significa che un terzo delle edicole ha chiuso, è sparito, si è volatizzato.

"Torno alle mie due passioni - racconta l'amico Ernesto Forlani che ha gestito l'edicola di corso Magenta, lungo il marciapiede che costeggia le scuole Bovesin de la Riva-, la fotografia e la riparazione dei pc. Dopo 35 anni ininterrotti di edicolante, ho iniziato il 2 luglio del 1982 e ho chiuso l'attività il 30 giugno 2017, non mi considero ancora un... pensionato. Mi divertirò e nello stesso tempo farò qualcosa di utile per me e per gli altri".

La chiusura, ma in questo caso dobbiamo proprio parlare di scomparsa, perchè l'edicola oggi è stata proprio rimossa, è un altro segnale di come stia cambiando la comunicazione. La crisi dei giornali e delle riviste cartacee non accenna a diminuire. I dati parlano chiaro: solo in Italia, nel giro degli ultimi 3 anni, sono state chiuse 20 testate quotidiane e 12 concessionarie di pubblicità. Ad oggi, la diffusione dei quotidiani cartacei è scesa al minimo storico e anche i periodici sono in difficoltà.

(Marco Tajè)