Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Canegrate aderisce alla dichiarazione di emergenza climatica e ambientale

Canegrate aderisce alla dichiarazione di emergenza climatica e ambientale. Il consiglio comunale ha approvato con i soli voti della maggioranza targata Canegrate Insieme la mozione presentata dalla consigliera Cesarina Restelli. Astenuti i due consiglieri di opposizione presenti, entrambi esponenti di Cambiamo Canegrate: Diego Conti e Christian Fornara.

COSA CHIEDE LA MOZIONE - Il documento approvato dal consiglio comunale chiede all'amministrazione di Canegrate diversi impegni sul piano ambientale, tra cui porre il tema dei cambiamenti climatici come massima priorità dell'agenda politica, ridurre le emissioni che possono alterare il clima, sviluppare un piano di adattamento climatico e di mitigazione per raggiungere nel 2050 l'azzeramento delle emissioni nette, sviluppare un piano di riqualificazione in chiave energetica degli edifici pubblici e un piano di mobilità, di alimentare tutte le utenze pubbliche elettriche con fonti da energia rinnovabile e di avviare una campagna di sensibilizzazione a riguardo.

Soddisfatto per l'approvazione l'assessore all'ambiente Davide Spirito, che però si dice amareggiato per la mancata condivisione da parte dell'opposizione. «Abbiamo fatto tanto su questi temi - sostiene Spirito - da ultimo abbiamo costituito anche il tavolo per l'ambiente».

LA POSIZIONE DELLA MINORANZA - I due consiglieri di opposizione presenti alla seduta di ieri, Conti e Fornara, hanno spiegato il perchè dell'astensione: non per contrarietà al tema dell'ambiente o della lotta ai cambiamenti climatici, ma perchè avrebbero voluto vedere proposte più concrete all'interno della mozione.

Conti, in particolare, ha avanzato un'idea: quella di mettere a dimora nuove piante nel parco del Roccolo. Un modo semplice, secondo il capogruppo Conti, per assorbire CO2 e tutelare la biodiversità. L'assessore Spirito ha fatto sapere di essersi già interessato alla questione.

Fornara, invece, ha sottolineato quanto Regione Lombardia abbia già fatto o stia facendo di concreto sull'ambiente, dicendo di preferire soluzioni effettive a generiche proposte. E' un «tema quello del cambiamento climatico - dice Fornara - troppo serio per essere strumentalizzato politicamente».

(Chiara Lazzati)