Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Indipendentemente": film e incontri per vincere le nuove dipendenze

(v.arini.) - Un legnanese su tre si avvicina al gioco d'azzardo già a partire dal liceo. Il dato comunicato dall'associazione "Vinciamo il Gioco" che opera all'interno del liceo cittadino è inferiore alla media nazionale (uno su due) ma è pur sempre preoccupante. Se a questo si aggiunte l'aumento della ludopatia tra la popolazione adulta - i pazienti affetti da questa patologia e seguiti dall'Asl Milano 1  sono passati da 94 a 186 negli ultimi 4 anni - si capisce bene quanto sia importante fare prevenzione per fermare il contrastare alla radice. 

IL PROGETTO "INDIPENDENTEMENTE": TRE FILM PER CONOSCERE LE NUOVE PATOLOGIE

Nasce da queste considerazioni il progetto "Indipendentemente", promosso dal Comune di Legnano in collaborazione con Asl, ospedale di Legnano, Vinciamo il Gioco, Cineforum Pensotti Bruni e cooperativa Stripes e presentato questa mattina alla stampa. Oltre alla ludopatia si parlerà di altre due "nuove dipendenze": la webatia e la cibopatia. L’oggetto della dipendenza è in questo caso un’attività lecita e socialmente accettata o un comportamento che, ripetuto ossessivamente, smette di svolgere il suo ruolo sociale per diventare una forma di schiavitù per l’individuo.

 «Lo scorso settembre  - ha spiegato l'assessore all'istruzione, Umberto Silvestri - vedendo avanzare il fenomeno delle dipendenze in modo turbolento abbiamo coinvolto le associazioni cittadine entrando in particolare nelle scuole. Ora, con Indipendentemente intendiamo offrire alle famiglie una serie di strumenti per conoscere problematiche a loro vicine attraverso un linguaggio efficace quale lo è quello cinematografico».

FEBBRAIO: IL MESE DELLA WEPATIA

Tre i film che saranno proiettati a Palazzo da Perego seguiti da serate  con esperti del settore. Si parte mercoledì 26 febbraio con "Chat Room: i segreti della mente" di Hideo Nakata, pellicola inserita nel percorso: "Essere genitori ai tempi di facebook: pericoli e potenzialità delle nuove tecnologie". La serata successiva, giovedì 27, alle 21, interverrà Michele Facci, autore di "Generazione Cloud". «Internet è uno strumento magico - ha ricordato Silverstri - ma è importante saperlo usare con saggezza».

MARZO: IL MESE DELLA LUDOPATIA

Marzo sarà il mese dedicato alla ludopatia: "E' ancora un gioco? Cosa fare quando il divertimento diventa malattia". La sera del 19 marzo sarà quindi proiettata la pellicola "Il mattino ha l'oro in bocca" di Francesco Patierno". Come anticipato, la ludopia è una dipendenza in forte crescita, una malattia dilagante anche sul nostro territorio (Qui il servizio: A Legnano 104 locali "slot" ma il Comune ha le mani legate)  da affrontare con un approccio interdisciplinare. Per questo giovedì 20 nella conferenza condotta da Ivano Re, Ufficiale del Comando di Polizia Locale di Legnano di Legnano interverranno  il dottor Ernestino Gola, Direttore Dipartimento Dipendenze dell’Asl Milano1; la dottoressa Giovanna Bielli, referente del Sert di Parabiago Asl Milano 1 e Silvia Testi, psicologa e psicoterapeuta dell’associazione "Vinciamo Il Gioco".

APRILE: MESE DELLA CIBOPATIA

Infine verrà trattato il tema “Anoressia, bulimia e obesità. Usare il cibo per comunicare un disagio” con la proiezione, lunedì 14 aprile 2014, del film "Maledimiele” (regia di Marco Pozzi) e martedì 15 con la conferenza sul tema a cura dell’equipe del Centro per la valutazione e la cura dei disturbi del comportamento alimentare nell’età adolescenziale e preadolescenziale dell'Ospedale Civile di Legnano: il dottor Sergio Colombo, dirigente medico psichiatra dell'Unità di psichiatria dell'Ospedale Civile di Legnano; la dottoressa Angela Focarelli Barone, dietista; la dottoressa Simona Porta, la dott.ssa Elisabetta Bortolussi e la dottoressa Chiara Randazzo, psicologhe e psicoterapeute.

Il progetto nella sua fase iniziale ha già coinvolto 30 classi delle “Bonvesin de la Riva”, “Dante Alighieri”, scuola secondaria di via Parma, liceo “Galileo Galilei”, per un totale di 647 alunni. 

(Valeria Arini)