Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

AULE APERTE, NUOVO OPEN DAY ALLA MARIA AUSILIATRICE

Il 18 gennaio dalle ore 9.30 alle ore 12.30 l’Istituto Maria Ausiliatrice, SCUOLA PRIMARIA e SECONDARIA di 1^ grado, aprirà ancora una volta le sue porte a bambini e genitori per offrire l’opportunità a chi ha già fatto una scelta e a chi ci sta ancora pensandoci di conoscere l’ambiente, confrontarsi con genitori e docenti e, per i futuri alunni, provare l’emozione di sedersi per la prima volta tra i banchi di scuola. 

Nel visitare la scuola passando da un’aula all’altra si potrà percepire l’attenzione dei docenti impegnati costantemente ad offrire una didattica innovativa. Attraverso il progetto “Per apprendere tutti di più” sostenuto dalla Fondazione comunitaria del Varesotto – Onlus, la scuola ha attrezzato tutte le sue aule con lavagne interattive che favoriscono un lavoro più coinvolgente, la partecipazione e la costruzione corale delle conoscenze. 

L’Istituto Maria Ausiliatrice erede della pedagogia salesiana di don Bosco pone al centro l’alunno e la sua famiglia costruendo un’alleanza educativa che in un clima di famiglia conduce a realizzare un’educazione integrale e porta ciascuno ad essere felice nel tempo e nell’eternità.

L’offerta formativa comprende, oltre alle materie curricolari, una vasta gamma di progetti che si realizzano dall’accoglienza del mattino alle ore 7.30, quando inizia il prescuola alle ore 18.00, al termine del doposcuola. Si propongono il progetto accoglienza, il progetto prevenzione, potenziamento e recupero; il progetto orientamento ed affettività. Per la Scuola Primaria si alternano laboratori facoltativi: minivolley, ginnastica ritmica, piscina, multi sport, art attack, teatro in inglese madre lingua; per la scuola Secondaria: laboratorio di madre lingua inglese, ECDL, latino, arte culinaria; per tutti l’esperienza del Coro, del pianoforte e del corso di chitarra. 

Dal racconto di un genitore

Nostalgia, soddisfazione, speranza, fiducia e un po' di benevola invidia, nel costatare come i miei figli sono felici ed entusiasti nel sentirsi componente attiva e integrata della comunità scolastica. 

Ho percepito e mi è piaciuto questo progetto condiviso, incentrato su solidi valori educativi, morali e culturali. Mi ha positivamente colpito come tutti i bambini, raccontino con entusiasmo la felicità e l'orgoglio di frequentare la scuola piena di attività e di iniziative.

Mi sono entusiasmato osservando questi bambini utilizzare gli strumenti e le aule didattiche (musica, informatica, scienze, lingue, ecc.), che questa scuola mette a disposizione.

È un piacere e una speranza nel futuro. 

Aldilà dei mezzi tecnologici all'avanguardia, la cosa più preziosa in questa comunità scolastica, mi è sembrata la prospettiva al continuo miglioramento, a cui tutti, alunni ed educatori sono proiettati.

Come dire in un posto bello ci si trova bene e lo si difende come se fosse la propria casa, come un posto a cui sei talmente affezionato, che desideri diventi il posto più bello che esista.

Il posto ideale dove far crescere e vivere le persone a cui vuoi bene.

Quindi, oltre che alle insegnanti disponibili, preparate e motivate, mi è parso di percepire l'attenzione delle suore educatrici, protese allo sviluppo, al sostegno e alla protezione dei miei bambini, come se fosse, anche per loro,  un tesoro da proteggere e far maturare. 

Ritengo che ciò sia possibile, solo seguendo quel progetto di vita che fa diventare un bambino una persona solida nello spirito e nei principi. 

Anche la preparazione culturale, unita ad un ambiente sano e protetto, può diventare un mezzo per guidare i miei bambini in quel percorso di vita che stimola sensibilità e consapevolezza.

Frequentare una scuola Salesiana parificata è un investimento che faccio volentieri per le persone più preziose della mia vita, i miei figli.

Un genitore di due alunni della Scuola primaria Maria Ausiliatrice di Castellanza.

 

(Valeria Arini)