Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Legnano verde-oliva" rivive in un libro

Basta sfogliarlo per capire che “Legnano. Biciclette, campioni, vittorie” è almeno la metà dell’enciclopedia del nostro ciclismo. Curato da Marco Pastonesi e Claudio Gregori, illustri firme di questo sport anacronistico, il libro è stato presentato al pubblico, oggi sabato 20 febbraio, nella nuova sede della U.S. Legnanese 1913 in via Quadrio. 

Non devono ingannare le storie dei grandi campioni che hanno sudato con le maglie e sulle bici marchiate Legnano e neanche le coppe esposte nella bacheca della sala interna alla sede: si è parlato, soprattutto, di vite spese per il ciclismo, di piacevoli aneddoti, di emozioni che solo questo sport può far trasparire.

La presentazione è stata introdotta da un sentito intervento del sindaco Alberto Centinaio: “Sono rimasto colpito dal fatto che questo libro non è impregnato solo di sport ma anche della storia della nostra Città che un tempo era riconosciuta come uno dei poli industriale d’Italia”. L’amministrazione comunale, inoltre, era rappresentata da Maurizio Tripodi, assessore allo sport, e Umberto Silvestri, assessore alla cultura.

“Siamo orgogliosi di aprire le porte della nostra sede ad eventi così entusiasmanti – commenta Roberto Damiani, presidente della Sportiva -. Speriamo in futuro di continuare a vederla vivere in questo modo. Ringrazio particolarmente il nipote di Emilio Bozzi, ex proprietario della Legnano, Francesco Marazzo che ha consentito di ricostruire la storia della società con grande disponibilità”.

Si tratta di un’opera di rara bellezza archeologica che ricerca e compone un mosaico sportivo fatto di tanti tasselli di una storia senza tempo.

Suggestiva, in questo senso, è stata la partecipazione di tre corridori, che hanno vestito la maglia della Legnano, come Vittorio Seghezzi, Pietro Nascimbene e Marino Vigna (nella immagine insieme ai dirigenti della US Legnanese, Giovanni Grassini e Pino Pagani) tutti coinvolti da Marco Pastonesi a commentare e ricordare le avventure, le corse di un tempo.

La Sportiva rimane sempre al centro del panorama ciclistico dell’alto milanese. L’inaugurazione delle nuova sede avverrà il prossimo 10 marzo alla presenza della autorità e, così si dice, riserverà altre sorprese a tutti gli appassionati o semplicemente curiosi.

Jacopo Bogo

Immagini di Luigi Frigo