Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



Parabiago verso l'Expo con il nuovo progetto 3.0

  • PARABIAGO
  • sabato 29 marzo 2014
  • 2150 Letture

Parabiago a portata di smartphone: parte il progetto “Parabiago 3.0 - percorrere, fruire, condividere il patrimonio culturale”, un sistema che, attraverso l'accesso a Internet, permette di attraversare itinerari tematici, fruire il patrimonio della città e partecipare al suo miglioramento. 3.0 sta a significare che ora nella rete virtuale si potranno "percorrere" spazi tridimensionali per trovare ciò che interessa di più ad ognuno. 

L'inaugurazione del nuovo sistema, cofinanziato da Regione Lombardia e realizzato dall'Ecomuseo del paesaggio di Parabiago, è avvenuta questa mattina in Piazza Maggiolini, con la partecipazione del Sindaco Franco Borghi, Vicesindaco Raffaele Cucchi, l'assessore alla cultura Mario Grandini, Maurizio Soldati partner tecnico Follow Me Technology srl di Parabiago e Angelo Colombini coordinatore dell'Ecomuseo del Paesaggio di Parabiago Dal Santo.

Sarà possibile ora accedere ai contenuti multimediali in modo semplice: appoggiando il telefono ai cartelli con i codici si avranno immediatamente tutte le informazioni: «Per ascoltare si fa meno fatica che leggere» ha ribadito il sindaco dopo aver fatto una dimostrazione di "follow me", servizio utile agli ipovedenti per accedere al sistema e avere informazioni audio. 

Per gli ipovedenti sono disponibili due applicazioni che leggono ad alta voce le informazioni relative al luogo visitato, una (funzionante con tutti gli smartphone) legge i QR code ad alta voce, l'altra (solo per gli smartphone abilitati) legge i microchip RFID. 

«Il sistema è semplice - ha spiegato il vicesindaco Raffaele Cucchi, presidente del comitato politico dell’Ecomuseo parabiaghese - abbiamo posizionato cartelli in circa 40 luoghi della città. Sul cartello c’è un codice “QR”. Si tratta di piccole figure composte da una serie di quadratini bianchi e neri disposti all’interno di un’area quadrata. Scattate una foto al codice con la fotocamera integrata nel telefono; il codice viene decriptato, trasformandosi in un link diretto ad una pagina web dove è possibile visionare o scaricare informazioni inerenti il luogo in cui vi trovate».

Inoltre, con la funzione “commenta e partecipa” ognuno può inviare impressioni, commenti, contributi scritti, foto, audio o video sul patrimonio culturale visitato. Questa funzione serve sia per condividere le informazioni e migliorare il sistema, sia per effettuare eventuali segnalazioni direttamente all’Ecomuseo su varie tematiche (presenza di rifiuti, vandalismi, proposte di miglioramento ecc.).

La scelta dei luoghi e dei contenuti (testi, foto e interviste) sono il frutto della partecipazione attiva della gente, compresi i bambini delle scuole di Parabiago, ma anche giovani universitari e dell’Istituto Maggiolini che hanno realizzato le descrizioni e le audioguide in italiano, inglese e francese. Uno studente dell'Università di Milano, facoltà di informatica, ha ideato una caccia al tesoro in cui, attraverso i QR code, sarà possibile visitare e fotografare monumenti, rispondendo a delle domande direttamente sul luogo indicato nel gioco. 

A piedi o in bicicletta, alla scoperta di Parabiago. Tre gli itinerari percorribili su due ruote: il parco del Roccolo, il Parco dei Mulini e l'Anello verde-azzurro (lungo i canali e i navigli milanesi, un percorso di 135 km). Mentre a chi piace camminare, tre i possibili sentieri: itinerario virgiliano alla scoperta di Parabiago Romana, itinerario del Riale e quello del Maggiolini.

«Il testo descrittivo - ha commentato Raul Dal Santo, tra i coordinatori dell Ecomuseo -  deriva dalla mappa interattiva della comunita di Parabiago che si trova sulle pagine web di Wikipedia. Sono descrizioni non certificate ma partecipate, con un buon grado di affidabilità proprio perchè sono state lette e corrette».

Il sistema, inoltre, si integra con altri progetti del Comune di Parabiago quali “Parabiago wi-fi” e il Distretto Urbano del Commercio verso Expo 2015. Saranno ampliati servizi in cui sarà possibile avere informazioni immediate su monumenti, negozi e offerte promozionali sul territorio, oltre a tutti i percorsi descritti sopra. Le persone con disabilità visiva, per esempio, avranno l'opportunità, tramite la collaborazione con la farmacia, di sapere tutto sui farmaci.

Manuela Zoni

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI