Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cerini-Caputo e i 50 euro della discordia

Rettifica del 11/01/2016: A rettifica di quanto riportato sono a segnalare che, da comunicazione tardiva, ho avuto conferma che il Sindaco Mirella Cerini nei mesi scorsi aveva provveduto a comunicare ad un rappresentante Sindacale della CISL il nominativo di un paio di Aziende che avevano la necessità di assumere, delegandolo ad attivare i contatti senza alcun tipo di vincolo. 

Caputo Romeo


Riceviamo e pubblichiamo

In riferimento alla replica del Sindaco alla mia dichiarazione relativa ai 50 euro per l’utilizzo della sala del Centro Civico, senza alcun tono polemico, ma solo per rispetto della verità, sono a specificare che:

- non è scritto da nessuna parte che le riunioni si dovevano tenere a Busto Arsizio. I Sindacati avrebbero voluto farle all’interno dell’Azienda, non al museo del Tessile, ma i Curatori fallimentari non avevano dato il permesso; per cui, nella speranza che fosse gratuito,  un posto valeva l’altro. Busto la gratuità l’aveva garantita, Castellanza, nonostante le dichiarazioni di Solidarietà del Sindaco, no.
- la mia esternazione non ha voluto essere un atto di protesta, ma solo un voler portare a conoscenza una disattenzione che si sarebbe dovuto evitare.
- non è stato il Funzionario ad applicare il regolamento ma la Giunta. Al Funzionario avevo espressamente chiesto che, al di là delle disposizioni regolamentari, fosse la Giunta ad esprimersi e ho avuto riscontro personale che la mia richiesta è stata rispettata.
- all’atto del fallimento i lavoratori non vengono licenziati, al licenziamento si arriva dopo l’accordo tra Curatori fallimentari,  Sindacati e RSU. 

La richiesta della sala al Centro Civico l’ho protocollata il 23 Settembre, il 17 Novembre, in qualità di Rappresentante RSU, ho sottoscritto l’accordo. 

Ho cessato di essere un componente RSU dal 01 Dicembre, quando ho ricevuto la lettera di licenziamento. 

Il mio impegno verso i Colleghi invece continua in quanto Loro  rappresentante all’interno del Comitato dei Creditori.

Che il Sindaco abbia proposte concrete per il ricollocamento dei lavoratori della TMC mi può fare solo piacere, che le stesse siano già state avanzate non mi risulta. I rappresentanti Sindacali provinciali di CISL – CGIL – UIL che seguono la TMC, interpellati in giornata mi hanno confermato che non hanno ancora avuto il piacere di conoscere il Sindaco di Castellanza, ma forse non si può escludere che ne abbia interpellato degli altri.

Mino Caputo

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI