Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Primo Minelli, presidente Anpi Legnano

Da destra, Luigi Botta, Alberto Centinaio, Roberto Cenati e Primo Minelli


Primo Minelli, figura storica del sindacato ed esponente di primo piano dell'Anpi, è il nuovo presidente dei partigiani legnanesi. La sua nomina nel corso dell'annuale assemblea dei soci. Lascia così la carica, dopo 10 anni di profondo impegno, Luigi Botta che commenta così la decisione: "Era il 3 marzo 2007 quando, per la prima volta, ebbi l'occasione di aprire l'assemblea degli iscritti della nostra sezione in qualità di presidente. Sarebbe stato per un anno, mi venne detto allora, con la prospettiva di trovare la persona adatta a riempire il vuoto dirigenziale lasciato dal compianto compagno e amico Franco Landini. Io accettai, pur sentendomi impreparato".

"Accettai - spiega ancora Botta - più per accondiscendenza che per convizione. Sono passati dieci anni da allora, dieci anni di lavoro che mi ha personalmente appassionato ed arricchito di esperienze, conoscenze, amicizie. E questo non certamente dovuto alle mie capacità, ma piuttosto alla collaborazione dei vari componenti il Direttivo della sezione che mi sono stati vicini in questi anni. Sento di dire che costoro non hanno collaborato con me, ma che io ho collaborato con loro, attingendo alla loro esperienza, alle loro capacità organizzative, alla loro dedizione a questa nostra meravigliosa Associazione che è".

"Rimetto l'incarico per due importanti motivi - ha proseguito - . Sento il dovere e la necessità che la nostra Sezione abbia un nuovo presidente, con idee nuove, con motivazioni più aderenti alla necessità dell'oggi, con nuove energie, con nuove prospettive. Lo faccio con dispiacere, ma conosco i miei limiti. Il secondo motivo è legato a motivi strettamente familiari. Assicuro comunque ogni mia possibile collaborazione alla vita di questa Sezione, che considero una mia seconda casa".

Botta ricorda poi tutte le iniziative attuate, tutte ispirate ai valori dell'antifascismo, della democrazia e della Costituzione.

Nuovo presidente, quindi, è Primo Minelli, a destra nella foto insieme a Stefano Landini, che vanta una lunga e qualificata carriera nell'ambiente sindacale, ma pure con un ruolo importante nell'Anpi. Nell'ultimo anno, ha avuto l'incarico di intrattenere relazioni con Enti e Associazioni.

All'assemblea, tra i presenti, il sindaco Alberto Centinaio, il presidente del consiglio comunale Michele Ferrazzano e Roberto Cenati presidente provinciale Anpi.

"Voglio rivolgere una grazie di cuore al presidente uscente Botta per tutto quello che ha fatto in questi anni- il commento del sindaco Centinaio -. Un lavoro fondamentale e indispensabile soprattutto nei confronti dei giovani che vanno educati sui valori fondamentali della nostra Costituzione nata sulle ceneri di una disastrosa dittatura. A Primo Minelli, presidente entrante, i miei migliori auguri di buon lavoro".

Il gruppo dirigente del direttivo risulta pertanto così composto:

Sergio Comerio (Vice Presidente vicario), Altioni Giuseppe, Angius Elio, Boggiani Giuseppina, Botta Luigi, Camatta Gianpiero, Colombo Luigi, Corona Giuseppe, Dell’Acqua Stefano, Di Falco Luca, Grassini Armando, Greco Vito, , Landini Stefano, Oldani Arturo, Oliva Giuseppe, Pasquetto Renata, Primi Giordano, Romano Bettini Rosa, Sant’Ambrogio Cinzia, Scottò Massimo, Stellica Adriano, Torre Jorge.

Sindaci revisori: Mezzenzana Enrico, Ripamonti Giordano e Della Persia Sara.

(Marco Tajè)