Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"10 SOTTO UN TETTO", LA CASA SAN GIUSEPPE COMPIE 15 ANNI

(v.a.) - 379 uomini; 112 donne con minori e 52 nucei familiari: sono questi i numeri, in crescita, delle persone indigenti assistite dall'associazione legnanese Cielo e Terra, che quest'anno compie 15 anni.

Un traguardo importante che i volontari del sodalizio (nella foto davanti alla casa-alloggio) vogliono condividere con la città con due giorni di festa:  “10 sotto un tetto” è il nome dell'evento che si terrà nel dormitorio “Casa San Giuseppe” in corso Garibaldi 90La struttura adiacente alla parrocchia con 9 posti letto sempre a disposizione di chi non ha un tetto, è stata fondata nel 1998 ed è attorno a questa meravigliosa esperienza di accoglienza che si sono sviluppate tutte le attività di Cielo e Terra.

Nel corso degli anni, l'associazione è infatti così riuscita a rispondere al crescente bisogno di accoglienza di uomini, donne, donne con minori e famiglie di tutte le età e provenienza che si trovano in una situazione di disagio abitativo. Ad oggi l’associazione mette a disposizione 18 strutture di accoglienza per un totale di circa 109 posti letto. Di questi 72 sono del Comune di Legnano con il quale è stato firmato una convenzione per l'Housing Sociale: all'inizio, nel 2009, i posti letto erano 27

La “Casa San Giuseppe” da 15 anni  continua ad offrire 9 posti letto tutti i giorni dell’anno dalle 20 alle 8 del mattino seguente. In totale sono passati dalla Casa di San Giuseppe 379 persone che per motivi differenti si sono trovati in mezzo ad una strada in situazioni di grande precarietà: "Se inizialmente gli ospiti erano per  metà italiani e per metà extracomunitari, oggi la quasi totalità degli uomini accolti - spiega il coordinatore di Cielo e Terra, Luca Zocchi - sono italiani. Per lo più cinquantenni separati con dipendenza da gioco d' azzardo patologico. Arrivano qui in seguito alla  perdita del lavoro o per via di una depressione latente: non bisogna associarli al barbone classico, anche  il nostro vicino di casa può di punto in bianco ritrovarsi a vivere in macchina". Poi ci sono le donne con minori e i nuclei familiari ospitati negli appartamenti, questi ultimi in seguito a sfratti che anche nel Comune di Legnano sono all'ordine del giorno. 

Da più di 5480 notti, il dormitorio non ha mai chiuso proprio grazie ai suoi volontari, che garantiscono un servizio di volontariato notturno a sostegno degli ospiti e a favore del loro reinserimento sociale. I bisogni, però, sono tanti e l'associazione ha lanciato la campagna per reclutare nuovi volontari che inizialmente saranno assistiti da un volontario esperto: "Non chiediamo molto tempo - spiega Sara Borgio vice presidente di Cielo e Terra  - basta  una notte al mese da dedicare al dormitorio;  il volontario ha la sua stanza per dormire, si occupa dell'apertura e della chiusura della casa vivendo insieme agli ospiti i momenti di socialità come la cena, la  tv e il gioco delle carte. Ci si mette in gioco ma si impara tanto".

Nel week end del 9 e il 10 novembre sarà possibile visitare il dormitorio, riverniciato dagli ospiti (vedi foto) insieme a momenti di festa. Ecco il programma.

SABATO 9 NOVEMBRE

- Ore 16 - 18 Visite guidate all’interno del dormitorio “Casa San Giuseppe”

 - Ore 18 Messa in Parrocchia San Domenico per tutti gli ospiti e i volontari

- Ore 19 Grande Fagiolata (diverse VARIETA’ DI FAGIOLI con 15 DIVERSE  RICETTE!), vin brulé e musica con i Beans, bacon and gravy.

DOMENICA 10 NOVEMBRE

-  Ore 11 – 13  e 17 – 19 Visite guidate all’interno del dormitorio.

Tutti gli appuntamenti si terranno sul Sagrato della Chiesa di San Domenico e all’interno della Casa San Giuseppe, Corso Garibaldi 90/A, Legnano.

Insieme alla Casa di San Giuseppe sono presenti altri servizi della Cariras, come la distribuzuine degli indumenti e il servizio docce che presenteremo nelle prossime settimane. 

(Valeria Arini)