Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

VISITE GUIDATE A VILLA PARRAVICINI

Visite guidate a Villa Parravicini, domenica 9, a San Giorgio su Legnano. Gli stessi proprietari faranno da cicerone e spiegheranno la storia e le genti della villa, sicuramente un evento interessante e inedito. Di questo l'amministrazione, attraverso il sindaco Walter Cecchin, ringrazia sentitamente per la cortesia e opportunità data di rivivere e toccare con mano un pezzo della storia di San Giorgio.


La Villa Parravicini si trova a San Giorgio su Legnano, in provincia di Milano. L’edificio conserva intatto il carattere di villa rustica della fine del XVIII secolo. È dotata di unparco all’inglese vincolato dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettoniciinsieme alla casa. Non si conosce l’anno esatto di costruzione, ed il documento più antico che cita questo edificio è del 1584. Il complesso ha subito nel corso dei secoli diverse modifiche che ne hanno radicalmente cambiato l'aspetto. La villa e il parco sono tra i pochissimi complessi storici del legnanese che hanno mantenuto pressoché intatta la struttura architettonica e le caratteristiche dei secoli passati.

La Villa Parravicini esisteva già 1584 ed era casa da nobile di proprietà di Ludovico Crivelli. In un documento datato 1655 si può leggere: "…casa da nobile posta nel detto luogo della Cassina di San Giorgio con diversi luoghi in terra e i doi colombari, portici, stalla, polaro, corte, pozzo comune …". Successivamente passò ai marchesi Parravicini.

Tra la prima e la seconda guerra d’indipendenza il marchese Giuseppe Parravicini, ardente patriota, aveva sepolto le sue armi dentro un profondo pozzo nel cortile della villa, temendo una perquisizioneaustriaca. Le armi furono poi ritrovate nel XX secolodai suoi discendenti: sulla canna del fucile era incisa, con il marchio di fabbrica ed il numero 490, la data 1841. Nel 1927 fu effettuato un importante ritrovamento archeologico: nel parco della villa furono ritrovati due cinerari, anfore, ciotole, balsamari e monete, sufficienti a testimoniare l’esistenza nella zona di una piccola necropoli romanadell’epoca imperiale.

Secondo una leggenda popolare sangiorgese Federico Barbarossa, dopo la disfatta nella Battaglia di Legnano (29 maggio 1176), si salvò fuggendo precipitosamente in una passaggio sotterraneo che collegava il Castello di Legnano con una villa nobiliare sangiorgese. Una delle possibilità, è che la costruzione fosse la villa Parravicini (una tra le opinioni più diffuse indica la "Casa della Regina", dimora tuttora esistente appartenente a Bianca Visconti)

Nel XX secolo, durante degli scavi, furono effettivamente trovati dei tronconi di una galleria sotterranea molto antica. Il primo, non lontano da San Giorgio su Legnano, fu esplorato da uno degli operai che lo riportarono alla luce. Venne persuaso dall'esplorazione, dopo aver percorso 5 o 6 metri, a causa di un filato di vento gli spense la candela. Un secondo troncone verso Legnano fu scoperto e subito ostruito dall'Amministrazione comunale per ragioni di sicurezza.