Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

HA PRONUNCIATO I VOTI LE LEGNANESE RACHELE PAIUSCO

2310_foto.jpg
Foto da diocesiportosantarufina.it
La prima giovane da cui ha avuto origine la storia delle Missionarie di San Carlo, la legnanese Rachele Paiusco, ha pronunciato in forma definitiva i voti di povertà, castità ed obbedienza davanti al superiore don Paolo Sottopietra e alla presenza del nostro vescovo Mons. Gino Reali, che ha riconosciuto la nuova associazione. La cerimonia si è svolta nella cappella della casa di formazione della Fraternità sacerdotale dei Missionari di san Carlo Borromeo a Boccea.

Suor Rachele, nel mese di marzo, aveva presentato  l’esperienza delle Missionarie di San Carlo in Banca di Legnano, suscitanto viva emozione e commozione tra i tanti amici presenti. Qui il nostro servizio
-
Lo scorso 25 marzo '11, nella solennità dell’Annunciazione, ho pronunciato i voti definitivi nella comunità delle Missionarie di san Carlo Borromeo, alla presenza del nostro vescovo, monsignor Gino Reali, e nelle mani del mio superiore don Paolo Sottopietra.
Ho desiderato molto fare questo passo nella cappella della casa di formazione della Fraternità Sacerdotale dei Missionari di san Carlo Borromeo, in via Boccea, che è la casa dei miei padri e dei miei fratelli maggiori e il luogo dove, tre anni fa, ho fatto la mia professione semplice.
Da pochi mesi la cappella è adorna di un bellissimo mosaico, pieno d’oro, che rappresenta al centro l’immagine di Maria che, al momento dell’annunciazione, abbraccia la volontà di Dio, il Verbo di Dio, sotto la forma di un lungo rotolo scritto.
Anch’io desidero abbracciare in tutto la volontà del Signore e dire sì come ha fatto Lei. La nostra storia ha avuto inizio qui a Roma quasi sei anni fa, e questo inizio è stato ospitato dalle Suore Caldee, in via Selva Candida 671, alle quali va tanta nostra gratitudine.
Il 25 marzo del 2007 la nostra comunità ha ricevuto il primo riconoscimento ufficiale, come Associazione privata di fedeli, da parte di Mons. Gino Reali.
Quest’anno, durante la celebrazione del 25 marzo scorso, il Vescovo ha voluto accompagnare la comunità in un nuovo passo verso la sua forma definitiva, elevandola al grado di Associazione pubblica di fedeli.
Attualmente la comunità è formata da diciotto ragazze provenienti dall’Italia, dalla Spagna, dall’Argentina e dagli Stati Uniti. Viviamo tutte a Roma nella nostra casa di formazione e ci stanno preparando per le prime aperture di case missionarie nel mondo. Un grande grazie al nostro vescovo e a tutti quelli che vorranno ricordarci nella preghiera.

Suor Rachele Paiusco 


Free Website Counter