Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Appiano - Mastini Varese 6-1

Appiano - Mastini Varese 6-1  (2:1  2:0  2:0)

I Mastini capitolano 6 a 1 ad Appiano in gara 3 dei quarti di finale playoff e ora non rimane che gara 4 a Varese nella serata di giovedì per continuare a sperare. Prestazione opaca quella dei gialloneri, apparsi imprecisi e poco presenti in fase offensiva, mai incisivi e apparsi abulici, condizionati dalle troppe penalità subite.

Primi minuti di studio da parte di entrambe le squadre, ma due penalità inferte ai gialloneri costringono i Mastini all'inizio in salita. Passano quasi 6' e arriva la rete di Peruzzo in superiorità con una conclusione dalla blu, in posizione centrale, che supera Menguzzato a fil di traversa, probabilmente coperto da un nugolo di uomini. Quando la situazione si inverte è F. Borghi a timbrare il pareggio dopo un powerplay caparbiamente orchestrato da Raimondi e Perna. Un colpo a volto rifilato a Odoni, infatti, è stato causa di sanzione a Critelli. L'Appiano nel frattempo si divora due occasioni colossali per il raddoppio. Passano pochi istanti e il goalie varesino è battuto da una conclusione dai 5 metri di Scelfo, a chiusura di una splendida azione dei padroni di casa. Una dura carica non sanzionata ha costretto Perna ad uscire anzitempo dal ghiaccio quando mancavano circa 3 minuti al primo intervallo. Il giocatore tiene duro e rientra sul ghiaccio per il secondo drittel, giocato però malamente dai Mastini che trovano la possibilità di conclusione solo in due occasioni. Nella prima parte del tempo un powerplay giallonero non sortisce alcun effetto e non basta una bella conclusione di Perna a impensierire Peiti, il quale risponde molto bene anche a Vanetti, sempre imbeccato da Perna. Poi le penalità condannano i gialloneri che capitolano due volte in seguito a due ottime trame di gioco avversarie che tagliano fuori il "penalty killing" varesino. Solo una bella conclusione di E. Mazzacane e una iniziativa personale del fratello, interrompono un monologo altoatesino.

Il terzo tempo non suona diversamente dagli altri. Ancora le penalità condizionano non poco il gioco dei gialloneri, costretti spesso a difendere con l'uomo in meno. La quinta marcatura avviene ancora in power play e il sesto gol è frutto di una bella e veloce azione che pone l'attaccante dei Pirati a due passi da Bertin (entrato al posto di Menguzzato).

Tra due giorni, giovedì 7 marzo alle ore 20.30 gara 4 a Varese e visto l'andamento della serie, il Palalbani attende solo di essere riempito, almeno come domenica scorsa. Adesso serve davvero la spinta del pubblico ancor più in maniera determinante.

Mastini Varese