Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Elezioni Busto Garolfo, ecco il programma del Centro Destra Unito

«Una rinascita sociale, culturale e territoriale» per Busto Garolfo: è questo l'obiettivo che si prefiggono in caso di successo elettorale Angelo Pirazzini e il Centro Destra Unito, ovvero la lista che sostiene la sua candidatura alla poltrona più alta di Palazzo Molteni per le prossime elezioni amministrative di Busto Garolfo del 26 maggio. 

Centro di gravità del programma la sicurezza, per la quale la lista ha già in cantiere «progetti concreti»: come il potenziamento del sistema di videosorveglianza con almeno un centinaio di nuove telecamere ad alta risoluzione da posizionare nelle vie principali, nei parchi pubblici e in tutte le zone più "critiche", rendendo il sistema integrabile anche con gli impianti di videosorveglianza privati. Tra le idee di Pirazzini e della squadra anche l'introduzione di un servizio di vigilanza privata notturna ad un prezzo calmierato, il potenziamento dell'illuminazione pubblica e un controllo di vicinato alla newyorkese (con «cittadini che si impegnino non a fare delle ronde ma a controllare i movimenti sospetti e ad avvisare le Forze dell'Ordine»).

Tra le proposte del programma su cui la lista punta maggiormente anche la tutela dell'ambiente, con il contrasto a chi inquina e abbandona i rifiuti, e l'ingresso «in prima persona nelle problematiche legate alle cave del paese - come spiega Pirazzini -: ci piacerebbe arrivare a risolvere il problema con delle riqualificazioni, sviluppando una progettualità insieme ad un ente terzo, come il WWF o Legambiente, e a tutte le parti interessate, dalla quale potrebbero nascere anche opportunità di lavoro per la cittadinanza».

Per Olcella, invece, l'idea è quella di "attrezzare" una struttura già esistente con uno sportello comunale digitale che permetta «di sbrigare pratiche come la richiesta di certificati, con la possibilità di dialogare via webcam con un funzionario comunale». Un punto che potrebbe diventare anche un luogo di incontro "laico" per gli abitanti della frazione. La lista intende valutare anche la possibilità di realizzare nuove strutture sportive e ricreative nella frazione tramite project financing, «che rappresenterebbero un servizio per tutto il paese e porterebbero anche una risposta economica». 

La coalizione di centrodestra pensa anche ad una cooperativa «che possa dare lavoro a persone del paese in condizioni di difficoltà, utilizzandole in lavori di pubblica utilità», alla revisione della viabilità del paese per far fronte «a situazioni a rischio per alta velocità», alla risoluzione delle problematiche legate alla ex Rimoldi-Necchi e a spazi aggregativi dedicati ai giovani e agli anziani.

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO DEL CENTRO DESTRA UNITO

(Leda Mocchetti)