Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Elezioni Busto Garolfo, il centrodestra corre unito

Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia e la lista civica Nuovi Orizzonti di Libertà correranno insieme in vista delle prossime elezioni amministrative di Busto Garolfo. Le quattro anime del centrodestra del paese hanno deciso di tentare in un'unica coalizione la scalata alla poltrona più alta di Palazzo Molteni, dalla quale cercheranno di scalzare l'attuale prima cittadina Susanna Biondi, l'unica, ad oggi, ad avere ufficializzato la propria candidatura per la prossima tornata elettorale.

Un «accordo storico», che il centrodestra cercava di raggiungere da almeno 20 anni a Busto Garolfo, ma che in occasione delle precedenti elezioni finora non era mai stato raggiunto. E se ancora il centrodestra non ha svelato il nome di chi correrà per la poltrona da primo cittadino, la squadra c'è già: sindaco, vicesindaco, giunta e consiglieri sono già stati scelti, con l'obiettivo di garantire rappresentanza a ciascuna delle forze politiche che compongono la coalizione, tanto nel Parlamentino cittadino, quanto nella squadra di governo: «Gran parte della lista - spiegano Sabrina Lunardi (Lega) e Patrizia D'Elia (Nuovi Orizzonti di Libertà) a nome di tutta la coalizione - sarà formata da persone che sono già conosciute nella realtà politica del paese: tutti i nostri candidati hanno buona conoscenza del territorio, la scelta è stata quella di costruire una squadra fondata sulle competenze».

Risultato raggiunto anche grazie al confronto portato avanti in questi anni durante l'attività consiliare, dove attualmente l'unica forza di coalizione non rappresentata è Fratelli d'Italia, e grazie «ad un atteggiamento propositivo, che parte dall'obiettivo di realizzare un programma che permetta di dare vita un nuovo progetto per rivitalizzare e rinnovare il paese». Anche se a spingere verso l'unione sono stati anche «l'atteggiamento e le scelte di questa amministrazione: trasparenza e confronto, tanto decantati, non ci sono stati in questi anni, ci siamo sempre trovati di fronte ad un muro, con le nostre proposte che non sono mai state prese in considerazione». 

Tra i temi che saranno al centro del programma della coalizione di centrodestra, maggior attenzione alla sicurezza ed all'ascolto dei cittadini - da chiamare in causa soprattutto in caso di scelte di primaria importanza come le modifiche alla viabilità («Scelte come le modifiche alla viabilità che hanno interessato piazza Lombardia non si possono fare senza ascoltare i cittadini, nonostante ci siano ripercussione sulla salute delle persone», ha sottolineato Lunardi) -, il decoro urbano, la tutela dell'ambiente e le politiche di sostegno alle attività commerciali e soprattutto ai negozi di vicinato

(Leda Mocchetti)