Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Elezioni Cerro, ecco il programma di CasaPound: "Famiglia il fulcro"

Parole d'ordine: «Prima gli italiani». Con questo programma si presenta anche a Cerro Maggiore e Cantalupo Casapound, che supporta e sostiene la lista Noi con Cerro Maggiore e Cantalupo del candidato sindaco Fabio Tomasoni in vista delle elezioni amministrative di domenica 10 giugno.

«Fulcro fondamentale nell’agenda di lavoro dell’amministrazione comunale», qualora cerresi e cantalupesi scegliessero Tomasoni come primo cittadino, fanno sapere dalla lista, sarebbe la famiglia. «Sosterremo una “politica della casa” con lo strumento del “mutuo sociale” che risponda all’emergenza abitativa dei cittadini italiani residenti a Cerro Maggiore e Cantalupo. In modo particolare, il nostro impegno sarà volto ad agevolare le giovani coppie e le categorie più deboli come ad esempio famiglie con disabili o anziani non autosufficienti - si legge tra le proposte di Noi con Cerro e Cantalupo -. “Contributo comunale di natalità“ - Erogazione di un contributo economico fino al compimento del terzo anno di età per il neonato i cui genitori siano cittadini italiani da almeno vent’anni. Lo stesso  dovrà essere utilizzato esclusivamente presso attività commerciali locali».

Il programma supportato da CasaPound poi prosegue toccando i temi delle donne (con politiche per agevolare il ruolo madre - lavoratrice e la sicurezza), il lavoro (per esempio: «Per facilitare il confronto tra imprenditori ed amministratori comunali si attiveranno tavoli di confronto tra mondo dell’impresa e amministrazione comunale, ossia un vero e proprio meeting teso a monitorare criticità ed opportunità al fine di concertare strategie di sviluppo» o «Maggiore monitoraggio da parte del comune e delle forze dell’ordine nel controllo delle aree soggette  a uso commercio ambulante»), il tempo libero («Ripristinare le vecchie tradizioni locali quali il “Palio delle contrade” e ridare vita al vecchio bocciodromo» o «creazione di un forum dei giovani attraverso i social oppure fisico che possa essere di aiuto per l’amministrazione nel promuovere iniziative ricreative, culturali e sportive che rispondano alle aspettative dei nostri più giovani concittadini»), il mantenere invariata la pressione fiscale, l'educazione ambientale, le opere pubbliche (con, tra le altre cose, la riqualificazione dei monumenti storici del paese), la sicurezza («incrementare il presidio del territorio garantendo, in particolare, la sorveglianza dei luoghi sensibili della città; collaborazione con l’associazione controllo di vicinato allo scopo di incrementare il servizio»), il sociale (garantendo vicinanza agli anziani e il graduale abbattimento delle barriere architettoniche) e l'istruzione (rinnovamento  delle dotazioni informatiche nelle scuole e installazione in biblioteca, istituzione degli orti didattici nelle aree verdi dei plessi scolastici, creazione di un evento denominato “Notte dello sport e della cultura”  che coinvolga tutte le associazioni cittadine e  la scuole).

(Chiara Lazzati)