Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Landoni verso il Pirellone: "In campo per buon governo della Lombardia"

Dopo l'esperienza da vicesindaco a Cerro Maggiore, Piera Landoni è pronta a correre per le elezioni regionali. La cerrese si presenta tra le fila del Partito Democratico, a sostegno di Giorgio Gori. «La mia candidatura nasce innanzitutto dal territorio dell'Alto Milanese e da altre zone della provincia di Milano - spiega Landoni -. Nel momento in cui ho ricevuto questa candidatura mi sono sentita investita di questo compito, nonostante avessi già aperto un cantiere di lavoro per il progetto delle elezioni di Cerro Maggiore. Ho deciso di affrontare con serietà questa nuova sfida perchè penso che in questo momento si debba scendere in campo per garantire un buon governo a Regione Lombardia. Tante cose non hanno funzionato come avrebbero dovuto in questi anni»

E tra le cose che Landoni vuole cambiare, soprattutto, ci sono battaglie sul piano dei diritti delle donne, della sanità, dei giovani e dei trasporti. La questione delle donne è un argomento che Landoni segue da anni in prima persona, anche grazie alla Rete Anti violenza Ticino Olona che raggruppa 50 Comuni della nostra zona. Secondo l'ex vicesindaco di Cerro è importante garantire maggiori tutele alle donne nel momento in cui rientrano al lavoro dopo una gravidanza e semplificare le richieste di congedi parentali, sia per le mamme, che per i papà. Sul fronte salute quello da combattere, spiega la dem, sono i tempi troppo lunghi della sanità pubblica, ormai diventati «disumani». I tempi di attesa si potrebbero accorciare con l'incremento dei poliambulatori. Landoni, poi, garantisce che se dovesse essere eletta si impegnerà nelle battaglie per la rimodulazione delle tariffe delle case del riposo in base a reddito, una formazione professionalizzante più mirata al territorio in modo da inserire direttamente i giovani nel mondo del lavoro (puntando sulla vocazione di distretto di sanità e salute della Lombardia) e al rinnovo dei mezzi pubblici per pendolari.

Questione chiave per il territorio del Legnanese, di cui Landoni promette di farsi carico, è la conversione del vecchio ospedale di Legnano in una cittadella della sanità. «Questa è una grande incompiuta del nostro territorio - commenta Landoni -, per me è una assoluta priorità».

Sul fronte Cerro Maggiore, infine, tutto prosegue. «C'è una squadra che sta lavorando, e a prescindere da come andrà il voto del 4 marzo io sarò comunque a fianco dei cittadini, perchè la mia comunità mi ha dato davvero tanto - afferma Landoni -. La squadra che sta lavorando per le elezioni comunali di Cerro Maggiore è formata da cittadini, non dal PD. Si tratta di persone che hanno fatto tanto per il paese e hanno lasciato il segno. Per ora non escludo di esserci».

(Chiara Lazzati)