Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



Tamini: anche legnanesi in corteo per difendere i posti di lavoro

  • LEGNANO
  • giovedì 20 aprile 2017
  • 759 Letture

Lavoratori del gruppo Tamini in sciopero per difendere l’occupazione del sito di Melegnano. Più di 250 i dipendenti, tra cui anche legnanesi, che con i rappresentanti sincali hanno dato vita alla manifestazione organizzata oggi, giovedì 20 aprile, a Novara.

Il corteo è partito dal piazzale della stazione del centro piemontese per raggiungere l’ingresso della Novamont, azienda guidata da Catia Bastioli, presidente di Terna. «Siamo molto soddisfatti della riuscita della mobilitazione - è il commento del segretario generale Uilm Milano Vittorio Sarti - considerando anche che l’adesione allo sciopero è stata praticamente totale negli stabilimenti di Melegnano, Legnano e Novara».

Una volta arrivati davanti alla sede dell’impresa, è stata avanzata la richiesta di essere ricevuti in delegazione proprio dalla presidente di Terna Catia Bastioli: la risposta è stato però un diniego. «Ci è stato comunicato - prosegue infatti Vittorio Sarti - che Catia Bastioli non era presente in azienda: sarebbe stato importante un incontro, perché avremmo così potuto ribadire direttamente anche al vertice di Terna quali sono le preoccupazioni dei sindacati e dei lavoratori sulle prospettive future, considerando la mancata presentazione del piano industriale, in ritardo ormai da mesi. Il tempo dell’attesa è ormai esaurito».

Giovedì 4 maggio è stato convocato un nuovo tavolo al Mise proprio, finalmente, per la presentazione del piano. «Ci aspettiamo che in quell’incontro venga veramente ufficializzato - conclude Vittorio Sarti - e che la dirigenza tenga fede agli impegni presi sempre in un incontro ministeriale, senza posticipare ancora una volta un passaggio così importante per il futuro e la tutela dei livelli occupazionali e che è ormai fonte di preoccupazione e mobilitazione da parte dei lavoratori da troppi mesi. Il procrastinare è già diventato inaccettabile».

Proprio in occasione del vertice al Mise sarà chiesto anche conto dello stato di avanzamento dei lavori di bonifica del sito produttivo di Melegnano.