Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cyberbullismo: esperti ne parlano al Bernocchi con docenti e genitori

Con la diffusione dei social network, si sa, non solo si è amplificata la possibilità di comunicare a distanza, ma anche quella di offendere, di “bullizzare” con parole e immagini. Su questo problema, che sta diventando una vera emergenza nel mondo degli adolescenti, si sono svolti nel mese di  gennaio, presso l’Istituto Superiore “A.Bernocchi” tre incontri di formazione per insegnanti e genitori.

Il Prof. Massimiliano Andreoletti (docente alla facoltà di psicologia della Cattolica di Milano) e la dott.ssa  Barbara Laura Alaimo (pedagogista, counselor ed esperta di cyberbullismo) sono stati invitati dalla prof.ssa, Antonella Raele, referente  dell’I.S.I.S. Bernocchi per la tematica del bullismo.

«Le iniziative che la nostra scuola sta proponendo su questo importante problema - dice la prof.ssa Raele -  sono punto di riferimento anche per altre scuole del territorio, con le quali condividiamo progetti e contatti di esperti».

Gli incontri attivati per docenti e genitori hanno visto una folta partecipazione, segno che l’attenzione educativa sul tema è viva.

«Ma questo è solo l’inizio – dice ancora la docente – abbiamo in programma anche altre iniziative rivolte agli studenti, perché sono loro i veri protagonisti della nostra azione, è anche con loro che bisogna agire per prevenire certi fenomeni».

Tra tutti quelli offerti dagli esperti, vale la pena di sottolineare almeno due spunti:

«L’educazione emotiva – osserva la dott.ssa Alaimo - è uno dei fattori protettivi più potenti, anche per i rischi del web. Dobbiamo essere una presenza autorevole e sicura, i ragazzi devono sapere che ci siamo se hanno qualche problema»

«Compito degli insegnanti – sottolinea il prof. Andreoletti – è anche quello di promuovere un uso creativo, attivo e responsabile della rete».


A cura della Proff.ssa Gabriella Oldrini