Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sei volte 100 (con una lode) all'Istituto Barbara Melzi

Nella foto in copertina, da sinistra, il preside prof. Flavio Merlo, Francesca Bellini, Sara Mari, Chiara Gazziano, Marta Cavaleri e Camilla Mazzetto


Hanno preso il massimo dei voti alla maturità 2018, ma il loro cammino verso l’eccellenza scolastica viene da lontano, inizia tempo fa.

Veronica Morlacchi (con lode), Francesca Bellini e Sara Mari al Liceo delle Scienze umane, Chiara Gazziano all’Istituto professionale socio sanitario, Marta  Cavaleri e Camilla Mazzetto al Liceo economico sociale hanno ottenuto il massimo dei voti confermando – ancora una volta – la validità di una preparazione scolastica che coniuga tradizione e innovazione, professionalità e passione educativa.

“Con il passare del tempo – raccontano - vedendo i risultati che ottieni nel corso del triennio, pensi che l’orizzonte del 100 sia alla tua portata, ma è un’idea inespressa, un desiderio che matura piano piano e si fa traguardo dopo le prove scritte degli esami. Forse il giorno più lungo è proprio la vigilia del colloquio orale perché quell’idea, quel desiderio potrebbero realizzarsi”.

Nel loro futuro strade diverse che rispecchiano non solo gli studi fatti, ma anche i loro interessi e le loro attitudini. Dalle loro parole emerge in modo chiaro che quanto appreso in classe nelle ore di lezione od esperito durante i periodi di Alternanza scuola lavoro o durante attività di volontariato diventa ora qualcosa a cui dedicarsi a tempo pieno, qualcosa per cui vale la pena impegnarsi.

Chiara e Marta ricominciano a studiare per i test di logopedia e medicina; Camilla andrà a giurisprudenza avendo come obiettivo la magistratura, Veronica si dedicherà allo studio delle lingue mentre Sara e Francesca (quest'ultima con un'esperienza giornalistica prima con Legnanonews e poi con Il Giorno) daranno continuità ai loro percorsi per dedicarsi ai settori dell’educazione e della cooperazione internazionale. 

 

(Marco Tajè)