Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sta bene lo studente legnanese caduto dal traghetto in Sicilia

Sta meglio il diciottenne originario di Rho e residente a Legnano, caduto, martedì 15 maggio, da un traghetto che stava attraccando in porto a Messina. Lo studente era in gita scolastica con la sua classe delle Barbara Melzi. A dare conferma dello stato di salute dell'alunno, il preside dell'istituto legnanese, Flavio Merlo: «Sono in contatto con i genitori: il ragazzo sta meglio e già oggi potrebbe rientrare a casa». Lo studente avrebbe affrontato una lieve ipotermia dopo la caduta in acqua. 

Il giovane, per motivi non ancora chiariti, si trovava sul ponte del traghetto Fs "Messina" e a un certo punto è caduto in acqua, facendo un volo di parecchi metri. Tanta paura sul traghetto in quanto inizialmente il ragazzo sembrava scomparso. La sua classe infatti era appena salita sul traghetto.

Dalla nave è stato lanciato un fumogeno, una volta capito che il ragazzo si trovava in mare. Quindi, la capitaneria di porto è intervenuta con una motovedetta per recuperare il giovane, riportato sulla banchina del porto dove il personale del 118 stava già attendendo. Una tragedia sfiorata per il 18enne. 

Il ragazzo e l'insegnante che accompagnava il gruppo, entrambi in stato di shock, sono stati poi condotti all'ospedale "Piemonte" per una verifica dello stato di salute, mentre il resto della comitiva ha proseguito la gita e si trova oggi ad Agrigento