Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

40 volontari al percorso “La simulazione nel Volontariato”

  • SALUTE / RHO
  • mercoledì 23 ottobre 2019
  • 365 Letture

Sabato 19 ottobre, nella sede del Corso di Laurea in Infermieristica dell’Università degli Studi nella sede di Rho diretto da Annalisa Alberti, si è concluso il percorso formativo “La simulazione nel Volontariato” che ha visto la partecipazione di circa una quarantina di Volontari dell’Associazione Presenza Amica ONLUS.

La formazione, replicata in 4 edizioni,  ha centrato l’attenzione sulla gestione del Bisogno di Alimentazione mediante l’esperienza della “Patient Simulation”, attraverso l’utilizzo del Simulatore a media fedeltà in dotazione al Corso di Laurea. Il percorso formativo gestito da Sonia Lomuscio e frutto di una progettazione condivisa tra le parti, ha visto una forte partecipazione dei Volontari che si sono spesi a favore di una metodologia didattica utilizzata maggiormente in ambito accademico e che, per la prima volta, è stata adottata e adattata per un gruppo di “laici”, ovvero non professionisti della salute. Tutti i Volontari hanno condiviso la medesima formazione in aula e la possibilità di sperimentare gli  scenari di Simulazione  guidati dalle 5 fasi della Kubler Rose.

Al termine dell’esperienza formativa è stata somministrata una Customer satisfaction che esprime  un gradimento complessivo medio alto dei partecipanti (punteggio 5/5 e 4/5 scala Likert).  La giornata conclusiva di sabato 19 ottobre ha restituito parte dei contenuti teorici ma, soprattutto, la possibilità dei Volontari di “rivedersi” nella videoregistrazione e di commentare insieme, guidati dalle tutor, non solo gli aspetti da salvaguardare nella gestione del bisogno ma, in particolare, gli aspetti della relazione con l’assistito e l’approccio comunicativo più generale (postura, prossemica, gestualità, mimica, comunicazione non verbale). Per chi ha condotto e coordinato la formazione su un target “sperimentale”,  il risultato appare soddisfacente e la sfida, vinta, tanto che negli intenti sarebbe utile diffonderne la modalità su più tavoli del Volontariato.

Una ulteriore conferma, affermano Ida Ramponi, Direttore Generale di ASST Rhodense e Furio Zucco Presidente dell’Associazione Presenza AMICA ONLUS,  che la partnership tra Istituzioni e Volontariato, in questo caso Accademia, Azienda Socio sanitaria e Volontariato, se ben condotta, produce risultati dirompenti nella formazione con grandi possibilità di ricadute organizzative in termini di spendibilità del volontario nelle istituzioni.