Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Il pubblico premia il Festival della Salute dell’Asst Rhodense

L’ospedale che esce dai ruoli istituzionali per incontrare la gente e promuovere la prevenzione è un elemento di successo e a confermarlo anche la quarta edizione del festival della salute dell’Asst Rhodense che si è svolto il 14 settembre 2019. Tante le persone che hanno voluto partecipare all’evento, approfittare per dei consulti gratuiti con gli specialisti, visitare i reparti, le sale operatorie o portare i bambini negli spazi dedicati ai laboratori e alla petterapy.

Decine le associazioni che con i propri desk si sono presentate alla cittadinanza, quasi tutte le Unità Operative e i Dipartimenti ospedalieri hanno allestito un banchetto per raccontare il lavoro che svolgono e per dare brochure informative. All’interno dell’ospedale sono state allestite alcune mostre tra cui quella sul vecchio ospedale psichiatrico di Mombello, per l’occasione Giacomo Doni, autore del libro sull’ex nosocomio,  ha voluto essere presente per spiegare il suo lavoro di studio sulla struttura di Limbiate e un’altra è stata fatta sul vecchio ospedale di Garbagnate, il Santa Corona. Ma non solo.

       Quest’anno il taglio del nastro per inaugurare il Festival è stato fatto davanti all’Hospice dove è stata presentata la stanzetta Pediatrica, tanti giochi, la maglia autografata da Valentino Rossi, perchè pur augurandosi di non vederla mai occupata la Asst Rhodense non vuole essere impreparata ad affrontare qualsiasi tipo di situazione si presenti. Secondo taglio del nastro, sempre alla presenza delle autorità locali e delle forze dell’ordine che hanno voluto testimoniare la propria vicinanza all’azienda,   davanti al murales del Servizio di Psichiatria, e poi convegni sugli Stili di Vita, sull’Alzhaimer, prove di primo soccorso e anche spazi ludici per i più piccoli. All’esterno oltre ai vari gazebo delle associazioni è stato allestito il palco dove si sono esibiti il coro Bolle di Sapone e i 706 prima di dare il via al contest che ha visto la partecipazione di 18 band.

“Ben venga tutto ciò che viene fatto nelle aziende socio sanitarie per promuovere la prevenzione e la cura” ha dichiarato l’assessore regionale, Giulio Gallera, lodando il programma del quarto Festival della Salute dell’Asst Rhodense.

“Siamo contenti del coinvolgimento delle persone, abbiamo notato una vera partecipazione, la gente che è venuta al Festival aveva sete di informazioni, di nozioni pratiche sulla prevenzione – ha detto il Direttore Generale, Ida Ramponi – segno che stiamo procedendo nella giusta direzione. L’ospedale non è solo una struttura dove si va quando si è malati ma un servizio da usufruire per cercare di stare bene”.

Il vicepresidente del consiglio regionale Carlo Borghetti inviando gli auguri per la buona riuscita della manifestazione, ha aggiunto “questo momento di festa aziendale migliora di anno in anno, e diventa sempre più aperto al territorio e alle associazioni, nella condivisione del comune obiettivo di rispondere sempre meglio ai bisogni di salute dei nostri concittadini”.