Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Bareggio chiede all'Asst il ritorno dell'ambulatorio di Neuropsichiatria

L'ambulatorio di Neuropsichiatria infantile può tornare a Bareggio. Ne è convinta il sindaco Linda Colombo che in questi giorni ha incontrato il nuovo direttore generale dell'Asst Ovest Milanese, Fulvio Odinolfi appena insediatosi a Legnano all'inizio di quest'anno.  

Con ogni probabilità, la riattivazione di questo servizio non è altro che la realizzazione di un POT, ossia un presidio Ospedalierio Territoriale, che la nuova direzione strategica dell'Ospedale di Legnano intende attivare sul territorio nel rispetto della Riforma Sanità Lombarda.

«Durante l'incontro abbiamo trattato, la possibilità di riportare l'ambulatorio nei locali comunali di via Marietti - spiega il primo cittadino -, che ora ospitano solamente le vaccinzioni e il logopedista». Il servizio (che nel 2016 era fruito da 300 utenti) è stato attivo fino a settembre, quando l'Asst Milano Ovest ha deciso di trasferirlo a Magenta per carenza di personale.  

 «Il direttore generale mi è sembrato propositivo – ha commentato il sindaco Colombo -, siamo andati a fare un sopralluogo nella struttura e ha assicurato che ci metterà tutta la buona volontà per vedere se i numeri permettono di far tornare il servizio a Bareggio. Da parte mia, ho sottolineato che è infruttuoso per il Comune avere una convenzione con l'azienda ospedialiera per una struttura rimasta ormai quasi vuota»

Sempre in tema di sanità, sono in corso le procedure per spostare il servizio vaccinazioni negli ambulatori di San Martino: «La struttura di San Martino è maggiormente idonea alle vaccinazioni per spazi e accessibilità – ha detto Colombo -. Sono già usciti i tecnici per verificare la fattibilità del trasferimento e ora l'iter è nelle mani di Ats».